Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

ProprietÓ Privata

di Joachim Lafosse. Con Isabelle Huppert, JÚrÚmie Renier

Due fratelli gemelli, uno biondo e aggressivo, l’altro moro e più docile, vivono con la madre in una casa di campagna. Quando la donna decide di vendere la proprietà i ragazzi entrano in conflitto. Presentato in concorso all’ultimo festival di Venezia, PROPRIETA’ PRIVATA segna un nuovo lavoro per il giovane regista e sceneggiatore belga Joachim Lafosse. In un cast ridotto all’osso si segnala la presenza di Isabelle Huppert, attrice francese capace di catturare in ogni prova i consensi unanimi della critica, e di Jérémie Renier, già protagonista de L’ENFANT dei Dardenne, autori cui pare ispirarsi il regista.

Il film di Lafosse si regge su le dinamiche psicologiche e affettive di una piccola famiglia divisa: la madre vive con i due giovani figli gemelli, il padre separato si è rifatto una nuova famiglia e vede solo saltuariamente i ragazzi. I rapporti tra tutti i personaggi si logorano e inaspriscono lentamente dopo la decisione della madre di vendere la casa in cui vive con i figli. Proprio dentro quella stessa casa si svolge gran parte del film, con frequenti riprese durante i pasti, abbracciando anche l’esterno verdeggiante dove i ragazzi vagano con diversi hobby.

Lafosse si tiene distante dalle situazioni, utilizzando uno stile di ripresa freddo, con lunghi piani sequenza immobili che sembrano spiare le piccole scene d’interni nell’attesa che si consumi la tragedia che, con il passare dei minuti e il crescendo di tensione, sembra inevitabile. Se per la prima parte del film la scelta stilistica pare felice e capace di arricchire con piccoli episodi i personaggi, è proprio il progredire dell’agitazione tra i due fratelli e la fuga della madre a mettere in luce una certa piattezza della regia. Ecco così che la chiusura della vicenda prende una piega che non brilla per sincerità, segnando la differenza tra le grandi opere dei maestri Dardenne e quelle più frivole dei loro epigoni. Ottimo tutto il cast.

**1/2

Svevo Moltrasio

[24-03-2007]

 
Lascia il tuo commento