Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Gli aumenti sotto la giunta Alemanno

verso il rincaro di bus e metro, tariffe taxi e tassa sui rifiuti

Roma Capitale ha bisogno di battere cassa, lo ha ammesso lo stesso sindaco Alemanno che si è appellato alla cattiva sorte. “Il momento economico non è buono ma non è il caso di portare jella”, aveva detto il sindaco commentando le accuse dell’opposizione sui nuovi rincari in vista. Ma andiamo per ordine: in Campidoglio si sta decidendo se aumentare il prezzo del biglietto di bus e metro, il cosidetto bit, passando da 1 euro ad 1 euro e 20 o nella peggiore delle ipotesti ad 1 euro e 50, il tutto è ancora da definire ma certo il trend è chiaro.

I romani per effetto della reintroduzione dell’iva potrebbero veder aumentare anche la tariffa della tassa sui rifiuti ed è probabile che, sulla bolletta, si troveranno a pagare anche gli arretrati del 2010 per un aumento totale del 20%.

Domani in assemblea capitolina si discuterà la delibera sugli indirizzi del nuovo contratto di servizio dell’Ama.

Ci sono poi i tanto discussi aumenti delle tariffe taxi. Nonostante il parere negativo dell’Antitrust, il giudizio pendente davanti al Tar sul ricorso presentato dai consumatori e addirittura l’opposizione di una parte della categoria, il Campidoglio è intenzionato ad andare avanti e aggiornare i tassametri il prima possibile.

A proposito di tasse e aumenti: a Roma si paga l’Irpef più alta d’Italia e durante la giunta Alemanno sono aumentate anche le mense scolastiche, è stata introdotta la tassa di soggiorno e, da maggio, un decreto governativo, ancora da emanare, determinerà i criteri di pagamento del pedaggio sul grande raccordo anulare.
 
 

[02-02-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE