Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Maccabi - Virtus, sconfitta senza mali

la Lottomatica chiude in Eurolega perdendo

Si chiude con una partita alla camomilla l’avventura europea della Lottomatica Roma, che abbandona l’Eurolega con una più che dignitosa sconfitta alla Nokia Arena di Tel Aviv. Si gioca in un ambiente molto soft, e la Virtus, nonostante le assenze – Chatman, Hawkins, Chiacig - sembra approfittare di questo clima partendo subito forte con Alex Righetti e Bodiroga. Roma supera anche i dieci punti di vantaggio durante il primo quarto, ma quando capitan Sharp suona la carica il Maccabi si scuote e si riporta ben presto in linea di galleggiamento. Roma perde molta della fluidità offensiva dei minuti iniziali, e il primo tempo si chiude con il vantaggio degli israeliani 36-35. Secondo tempo tutto gialloblu; il Maccabi mette in campo quel pizzico di impegno in più che lo porta ad avere anche 15 punti di vantaggio su una Roma che in alcuni frangenti sembra avere decisamente poca voglia e poca concentrazione. Comunque la Lottomatica ha il merito di non mollare, e anzi, con un grande Bodiroga e un immenso Righetti ritorna in partita arrivando all’ultimo minuto addirittura al -4. Poi però la tripla di Halperin spegne gli ardori romani.  E cosi la partita finisce 79-72 per la squadra di Tel Aviv, con Roma che può recriminare per aver concesso tra il secondo e il terzo quarto un parziale complessivo di 48-28 al Maccabi. Ora tutte le attenzioni ricadranno sul campionato,  che già domenica propone un match tutt’ altro che semplice ai capitolini: al Palalottomatica arriva una Eldo che farà di tutto per uscire dalla crisi di risultati nella quale è piombata.

QUI VIRTUS

Su questa partita c’è davvero poco da dire, la squadra l’ha sfruttata più che altro per oliare i meccanismi offensivi, nulla più. Diciamo che è stato un allenamento di super-lusso. Tuttavia per la partita di domenica si sono visti segnali decisamente incoraggianti, ad esempio l’ottima condizione fisica di Bodiroga o la buona vena offensiva di Righetti. Altri segnali positivi possono essere le buone prove di Giachetti e Stefansson.

I MIGLIORI

BODIROGA DEJAN, 14 punti e l’ennesima prova che la classe è un dono naturale. Alcuni suoi canestri sono delle vere e proprie perle per tecnica, coordinazione, eleganza. Per farvi capire la sua fama, all’uscita dal campo molti tifosi del Maccabi ( non sempre i più simpatici e sportivi d’Europa) si sono sbracciati per stringergli la mano a dimostrazione della sua unicità.
RIGHETTI ALEX, 25 punti con il 66% dal campo, cifre che sottolineano una prova degna del campo che ha calcato ieri sera. Senza dubbio il giocatore più attivo di tutta la squadra, ha dimostrato di avere in faretra anche partite con tanti punti e tanti minuti di impiego. Molto positivo.

Marco De Leo

[23-03-2007]

 
Lascia il tuo commento