Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cultura Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma
 
 

Dopo 20 anni riapre la Casa delle Vestali

restaurato lo storico edificio dell'antica Roma

Riapre a Roma dopo 20 anni di chiusura la Casa delle Vestali. Il restauro del prezioso edificio, frutto della collaborazione tra la soprintendenza speciale per i Beni archeologici di Roma e l'Universita' 'La Sapienza', con fondi Arcus e della stessa soprintendenza, ha permesso la riapertura di un lungo tratto della via Nova, lungo le pendici del Palatino. Quello che giunge a noi è il santuario ricostruito dopo l'incendio di Nerone e restaurato da Settimio Severo.

LAVORI - I lavori hanno riguardato complessivamente un'estensione di 4.085 metri quadri. Un primo intervento che ha avuto come obiettivo la riapertura dell'Atrium Vestae, di 1.568 metri quadri, e di un percorso di collegamento tra questo e la soprastante Via Nova ed ha previsto, al suo interno, tutte quelle opere di messa in sicurezza, consolidamento e restauro necessarie a garantire la sicurezza dei visitatori e il decoro e la conservazione del monumento. Nella casa delle Vestali vivevano le sacerdotesse consacrate al culto ancestrale, puro e nobile della dea. Per celebrarlo venivano scelte dal pontefice massimo sei vergini, fra i sei e i dieci anni, di famiglie patrizie e prive di imperfezioni fisiche, che prestavano servizio per trent'anni con l'obbligo della castità. "È un altro luogo che viene restituito alla città e ai turisti che vengono a Roma per ammirare l'archeologia", ha detto il sottosegretario ai Beni Culturali Francesco Giro. Per la soprintendente ai Beni Archeologici Anna Maria Moretti "la Casa della Vestali ci racconta oggi la sua storia in modo puntuale grazie agli scavi condotti da Carandini".

[27-01-2011]

 
Lascia il tuo commento