Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Migliora la bimba di 10 mesi ricoverata al Gemelli

compagno della madre indagato per tentato omicidio

Migliorano le condizioni della bimba di 10 mesi ricoverata da sabato scorso al Policlinico gemelli per lesioni gravi e contusioni sul corpo. Intanto i medici hanno sciolto la prognosi della piccola che ha lasciato il reparto di terapia intensiva del Gemelli.

Proseguirà le cure in un reparto specialistico dell'ospedale. La bambina presenta attualmente condizioni neurologiche stabili: è cosciente, si muove e respira autonomamente senza bisogno di ausili meccanici o farmacologici. Nel bollettino medico della mattina, i medici riscontravano ematomi sul corpicino della neonata dovuti a percosse e maltrattamenti subiti negli ultimi giorni.

Destava preoccupazione sabato, al momento del ricovero, l'ematoma al capo, che al momento non necessita di alcun intervento chirurgico. E la piccola, per fortuna, respira autonomamente. Spiegano i sanitari: "Si mantengono stabili, con stato di coscienza e respiro autonomo conservati, le condizioni cliniche della bambina di dieci mesi di San Felice Circeo ricoverata nella notte tra sabato e domenica scorsa presso il reparto di terapia intensiva pediatrica (Tip) del policlinico universitario “A. Gemelli” diretto dal professor Giorgio Conti. Continua il monitoraggio multi parametrico in Terapia intensiva pediatrica. La prognosi permane riservata. Al momento non c’è necessità di trattamento neurochirurgico dell’ematoma subdurale della bambina".

INDAGATO COMPAGNO DELLA MAMMA - Deve rispondere di tentato omicidio il 31 enne, convivente della mamma della bambina ricoverata da sabato scorso al Gemelli di Roma per diversi traumi, forse dovuti a maltrattamenti. L'uomo sabato si trovava in casa a San Felice Circeo (Latina) con la bambina mentre la madre della piccola era al lavoro. Il compagno della mamma si dichiara innocente: "le ho dato da mangiare e l'ho messa a dormire poi mi sono accorto che la piccola aveva le convulsioni", ha detto agli inquirenti. Oggi alle 11 la procura di Latina affiderà l'incarico al medico legale Giovanni Arcudi per esaminare le cartelle cliniche della piccola e verificare la compatibilità dei traumi con una eventuale caduta.
 
 

[25-01-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE