Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Alemanno vara le deleghe e promuove sé stesso

"salvata la città in mille giorni di governo"

Alla lista definitiva mancano soltanto alcuni piccoli ritocchi ma secondo le prime indiscrezioni i nuovi delegati di Alemanno, dopo il rimpasto di giunta con i cinque nuove assessori, sono decisi. Sarebbero in tutto nove le deleghe volute dal primo cittadino, che come aveva promesso ha operato un drastico taglio: prima della sua giunta-bis, erano infatti venti.

SANTORI - Va a Fabrizio Santori la delega che unifica Sicurezza e Decoro: quest'ultima era in precedenza di Francesco Maria Orsi, travolto dallo scandalo "appalti e festini" e indagato per corruzione. Lavinia Mennuni conferma invece il suo ruolo di delegata alle Pari Opportunità. Una conferma anche allo Sport: il delegato del sindaco rimane Alessandro Cochi. Arriva invece Pierluigi Fioretti (già presidente e ad di Cotral) come delegato all'Emergenza abitativa.

Roberto Cantiani avrà la delega ai parcheggi Pup (prima aveva quella alla Sicurezza Stradale). La delega alla Comunicazione potrebbe andare a Simone Turbolente, ma non è chiaro se questo ruolo sia incompatibile con la responsabilità di portavoce del sindaco Alemanno.

Domenico Naccari diventa delegato ai Rapporti con le comunità regionali (delega che assorbe quella ai Rapporti con la comunità calabrese, che deteneva in precedenza). Infine all'Università si conferma delegato Marco Siclari.

Gli incarichi, nelle intenzioni dell'amministrazione, resteranno a titolo gratuito e dovranno rispettare il criterio dell'impossibilità del doppio incarico: chi avrà assegnata la delega non potrà presiedere alcuna commissione consiliare.

ALEMANNO PROMUOVE SE' STESSO "Salvata la città" - Allo scoccare del millesimo giorno di amministrazione quello fatto dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, è "il bilancio di chi ha salvato questa città e questo Comune che era sull'orlo del disastro". Per questo "non c'è nessun rischio default" e quelle scritte in proposito "sono solo sciocchezze". Il sindaco Alemanno ha spiegato che "nessuno penserebbe mai che il prossimo sarà un bilancio semplice perchè c'è il taglio di 150 milioni di euro da parte del Governo". Tuttavia, ha rassicurato, "sono tre anni che lo teniamo in equilibrio e ci riusciremo anche in questo caso facendo grande attenzione ai conti e tagliando le spese evitando di caricare il problema sulle spalle dei cittadini". "Da qui - ha concluso - ripartiamo con obiettivi ambiziosi come la candidatura alle Olimpiadi".
 
 

[24-01-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE