Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Vallanzasca - Gli angeli del male

di Michele Placido. Con Kim Rossi Stuart, Filippo Timi

di Rosario Sparti

1985. Vallanzasca Renato, matricola 38529H, nato a Milano il quattro maggio 1950, è rinchiuso in una cella d’isolamento. La sua propensione per il crimine si era rivelata sin da bambino quando, a nove anni, con la sua piccola banda libera una tigre da un circo. Così piccolo, ha già la stoffa del leader. E quella prima ragazzata, che gli apre le porte del carcere minorile, segnerà la sua strada per sempre. Una volta uscito, dai piccoli furti nel quartiere passerà in rapida escalation alle rapine, ai sequestri di persona, agli omicidi. Renato Vallanzasca diventa "il boss della Comasina"

Il regista Michele Placido ritorna a pescare nel torbido della storia italiana, guardando alla storia di Vallanzasca, il bandito rockstar  che primeggiava sui quotidiani dell’Italia anni ’70. Se lì si parlava di una banda, stavolta si corre in solitaria e il peso della narrazione ruota intorno al personaggio interpretato da un eccellente Kim Rossi Stuart.

Intorno a lui scorrono diverse figure di un cast internazionale, dalla bella Paz Vega a un buon Francesco Scianna fino ad un Filippo Timi sin troppo sopra le righe, che, combinate ad un montaggio serrato e ottima fotografia, compongono il quadro d’un crime-thriller dall’ineccepibile livello qualitativo nella confezione. Con un occhio ai cugini d’oltralpe di NEMICO PUBBLICO N.1 e CARLOS, il regista cerca di raccontare l’uomo Vallanzasca e il suo rapporto con i media ma non riesce a scavare nel profondo del personaggio.

L’impressione finale è che la struttura narrativa risulti più coesa di ROMANZO CRIMINALE, ultimo successo di Placido, ma meno vibrante e sincera, complice l’ambientazione meneghina d’epoca non sempre raccontata verosimilmente. Il regista mantenendo un regime di correttezza politica, fin troppo sorvegliato, finisce per scaricare l’intensità drammatica del ruolo solo sulle spalle del protagonista. Probabilmente il poliziotto Michele Placido ancora non riesce a digerire del tutto il mito di Vallanzasca, forse in cuor suo più che raccontarlo avrebbe preferito catturarlo.
 



votanti: 2
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - placido - stuart - timi
 

[22-01-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE