Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Altre di Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema » Altre di Cinema
 
 

"Per questi stretti morire (cartografia di una passione)" da Venezia a Roma

Al Cineclub Detour incontro con gli autori Isabella Sandri e Giuseppe M. Gaudino

Serata speciale Sabato 22 Gennaio al Cineclub Detour. Isabella Sandri e Giuseppe M. Gaudino presentano al pubblico l’inedito “Per questi stretti morire (cartografia di una passione)”, visto in anteprima solo alla 67° Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Orizzonti.
Il documentario di Sandri e Gaudino è una biografia arbitraria e re-inventata dell’esploratore e cineastra Alberto Maria De Agostini (1883-1960), missionario e fotografo che a ventisei anni lasciò il Piemonte per percorrere a piedi la Patagonia e la Terra del Fuoco.
Di De Agostini non è rimasta traccia scritta – né taccuini né diari – ma una straordinaria documentazione visiva nelle foto da lui realizzate, spesso con procedimenti innovativi per il periodo, che testimoniano anche della progressiva scomparsa delle popolazioni indios e nei fotogrammi del suo film “Terre Magellaniche”.

Quando Pablo Neruda seppe della scomparsa di De Agostini scrisse: “La morte di Padre Alberto De Agostini per me è stata una sorpresa. E’ morto lontano dal Cile, paese che tanto amò. Le sue opere mostrarono il paesaggio maestoso della nostra cordillera, dei nostri fiumi e della nostra bellezza millenaria. (…) Vorrei che Punta Arenas rendesse omaggio al De Agostini e che innalzasse un monumento alla sua memoria. (…) Senza dilungarmi troppo, a me, come poeta cileno, piacerebbe mettere l’epigrafe a questo monumento per onorare la memoria di un così illustre scopritore di alcuni aspetti della nostra storia nazionale”.

La serata è presentata da Schermaglie Cinema.

Proiezione ore 21.00
Ingresso con tessera

Per ulteriori informazioni visitare il sito del Cineclub Detour:
www.cinedetour.it


 
 

[21-01-2011]

 
Lascia il tuo commento