Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Alemanno rinuncia al Gp di Roma

"Roma così incassa il sostegno della Lombardia per le Olimpiadi 2020"

La notizia era già filtrata agli addetti ai lavori ma non c'era ancora l'ufficialità, oggi il sindaco di Roma ha sciolto ogni dubbio: il Gp di Roma dell'Eur non si farà. "Rinunciamo oggi definitivamente e formalmente al progetto della Formula 1 a Roma". Ha detto oggi il sindaco Alemanno che ha spiegato come la rinuncia del Gp per Roma potrebbe aprire le porte per le Olimpiadi del 2020: "Roma rinuncia al Gran Premio, fa un passo indietro. Grazie a questo incassa il convinto sostegno della Lombardia e di un esponente leghista alla candidatura olimpica". Ha spiegato Alemanno.

"Certamente se il progetto di Roma fosse andato avanti ci sarebbe stata una polemica con Monza, una difficoltà - sottolinea Alemanno - Quando abbiamo incontrato il sindaco di quella città con Flammini, siamo andati addirittura in territorio neutro, a Torino, perchè c'era un grande risentimento a livello territoriale". Il dato di fondo - sottolinea il sindaco - è che Ecclestone ha cambiato posizione rispetto all'inizio e ci ha posto l'alternativa con Roma. E allora noi siamo stati coerenti e conseguenti e abbiamo ragionato da capitale nazionale nell'ottica del sistema Paese, quindi se ci fosse stata la possibilità di un secondo Gran Premio Roma si sarebbe candidata, ma dal momento che non c'è ci concentriamo sulle Olimpiadi e sosteniamo Monza".

Che ci fosse qualcosa che non andava si era intuito nella lettera di Ecclestone inviata al sindaco il 12 gennaio scorso nella quale il patron della Formula spiegava che "l'unica chance per ottenere un gran premio a Roma era l'alternanza con Monza". "I team vogliono tenere il numero delle gare fino ad un massimo di venti in un anno e con più appuntamenti negli Usa. Per questo ora è impossibile programmare un'altro Gran Premio di Formula Uno in Italia - spiegava Ecclestone - Comunque se Monza fosse tolta dal calendario o si potesse alternare Monza con Roma questo potrebbe essere accettabile e potrei tentare di ottenerlo. Mi spiace di non potere concludere l'accordo come previsto".

SONDAGGI SU IPOTESI GP - "I sondaggi attestano con chiarezza che non solo a Roma, ma nella stessa area dell'Eur i favorevoli erano più numerosi dei contrari al Gran Premio". Ha detto Alemanno che oggi ha reso noto i risultati di un sondaggio condotto dalla Ispo di Renato Mannheimer (su un campione di 802 intervistati) secondo il quale nell'area del XII Municipio della capitale, che include l'Eur, i favorevoli al Gp erano il 60% (38% abbastanza favorevoli, 22% molto favorevoli), il 38% i contrari, il 2% gli indecisi. Nella più ristretta area del Pentagono, dove la gara si sarebbe dovuta svolgere, la percentuale dei sì al Gp calava, ma restava comunque in vantaggio: 50% i favorevoli (32% abbastanza, 18% molto), 45% i contrari (16% abbastanza, 29% molto), 5% gli indecisi.

POLVERINI - "Siamo dispiaciuti perchè era un bel progetto, la Regione aveva intenzione di dare il suo contributo". ha detto la presidente della Regione Lazio Renata Polverini a margine della riunione di giunta a chi le chiedeva un commento sulla rinuncia definitiva al Gp di Roma annunciata oggi dal sindaco di Roma Gianni Alemanno. "Però - ha aggiunto - teniamo comunque presente il fatto che una impresa piccola, se vogliamo, del nostro territorio ha saputo esprimere un progetto che sicuramente merita tutta l'attenzione. Questo comunque - ha concluso Polverini - rimane un fatto positivo".
 
 

[21-01-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE