Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Mostre Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Mostre Roma
 
 

La storia Punk sbarca a Roma

fino al 20 marzo all'Accademia di Francia

Il punk: musica, provocazioni ma anche rivoluzione grafica come suggerisce la mostra allestita all’Accademia di Francia, a Trinità dei Monti: centinaia di soggetti, tra cui pezzi rarissimi, svelano l’originalità visiva che ha contraddistinto il movimento.

A oltre trent’anni dall’irruzione sulle scene del punk, con le sue tinte da controrivoluzione culturale, le influenze sull’arte sono inoltre tutt’altro che esaurite.

Per la prima volta una mostra svela come oltre alla musica ci sia stato molto di più. Considerare infatti solo l’aspetto musicale senza collegarlo a quello visivo, nel caso del punk è limitativo.

I curatori della mostra si sono concentrati sulla rivoluzione grafica che illustratori e designer punk hanno portato nella cultura occidentale. Artisti che, attraverso copertine di dischi, magliette, volantini, disegni, poster e anche abiti hanno cambiato il modo di interpretare e fare le immagini.

La mostra, curata da Eric de Chassey, direttore dell’Accademia di Francia a Roma,  raccoglie la vasta produzione visiva che gli artisti punk di tutto il continente hanno elaborato a partire dalla seconda metà degli anni ’70. Ci sono le opere di jamie reid, che inventò il volto della regina elisabetta ii con occhi e bocca coperti dal nome dei sex pistols, ci sono gli spunti di malcolm mclaren, ideatore del gruppo, ci sono le produzioni del team francese bazooka, finora rimaste praticamente anonime e scovate dopo ricerche in lungo e in largo per l’europa. La mostra aprirà domani e accoglierà i visitatori fino al 20 marzo.

[20-01-2011]

 
Lascia il tuo commento