Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio Cesaroni, a fine gennaio sentenza

l'alibi di Busco, oggi arringa difensiva

È stato il giorno dell’arringa difensiva al processo per il delitto di via Poma in corso a Rebibbia.  L’avvocato di Raniero Busco, Paolo Loria, ha ripercorso punto per punto l’impianto accusatorio che rischia di inchiodare l’ex fidanzato di Simonetta Cesaroni per omicidio volontario aggravato. 

Una difesa che molto si è soffermata sull’orario in cui fu commesso l'omicidio il 7 agosto del 1990: "è stato indicato tra le 17.50 e le 18.30, dunque Busco non poteva essere in via Poma” – ha detto Loria, ricordando che alle 19 l’imputato fu visto in una bar dei portici di Morena”.  Quanto alle prove scientifiche, “le indagini sul dna sono inconcludenti - ha aggiunto la difesa -. La compatibilità del dna non ha alcuna valenza scientifica".  Inoltre, la conservazione dei reperti per vent’anni potrebbe aver creato contaminazioni e deterioramenti. 

Non provato anche il morso di Busco sul seno della ragazza. Infine il movente: si è parlato di una presunta gravidanza della Cesaroni o di una crisi sentimentale.  Ma nulla sarebbe stato provato – secondo la difesa – nel corso del dibattimento.  "Busco è nelle vostre mani. Ridategli la sua dignità, perché è innocente" ha chiuso l’avvocato Loria davanti alla III corte d'Assise. L’ultima udienza il 26 gennaio per le repliche e, a seguire, camera di consiglio e sentenza.
 
 

[20-01-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE