Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Le baccanti

Al Teatro Dell’Orologio Erika Manni firma lo spettacolo tratto dalla celebre opera di Euripide

Dall’estro creativo della regista Erika Manni, coadiuvata dalle coreografie di Francesca Baragli, arriva al Teatro Dell’Orologio “Sala Orfeo” fino al 30 gennaio, lo spettacolo “Le Baccanti” di Euripide, con Francesca Baragli, Valentina Baragli, Edoardo Ciufoletti, Alessandro Epifani, Vania Lai, Beatrice Loreti e Giancarlo Porcari.
Dioniso, “il più terribile e il più dolce tra gli dei”, figlio di Zeus e di Semele e nipote di Cadmo, arriva a Tebe dalla Lidia, assumendo sembianze umane. Vuole affermare la propria origine divina, imporsi come dio nella città dove un fulmine ha incenerito sua madre. La sua vendetta inizia con lo spingere tutte le donne di Tebe a trasferirsi sul monte Citerone, per celebrare i suoi riti. Al nuovo culto si adegua il vecchio re Cadmo: vi si oppone, invece, con feroce caparbietà Penteo, il giovane sovrano…

Con l’arrivo di Dioniso, tutta la città di Tebe è invasa da  un travolgente  stato di estasi, di  perdita della coscienza, di follia mistica. Le donne di Tebe sono possedute dal dio e perdono la propria identità: nessun corpo resta simile a se sotto l’effetto dell’estasi dionisiaca. La trasformazione è inevitabile.
Un allestimento non convenzionale che spazia intelligentemente e sapientemente tra riferimenti alle fiabe classiche, allegorie dei nostri giorni e costumi pensati e realizzati in un'ottica di contemporaneità. Uno spettacolo che è una grande festa teatrale e culturale; teatro classico attualizzato, nel rispetto delle tradizioni, ma consentendo una maggiore permeabilità delle diverse culture a confronto, il tutto mostrando un particolare interesse per i nuovi linguaggi e per la ricerca drammaturgica.

“Dioniso, il dio del teatro, dell’ambiguità e della parvenza, mette in scena il suo spettacolo – spiega Erika Manni - Governa i personaggi e gli avvenimenti. Sceglie travestimenti e metamorfosi. E’ un esperto illusionista, prestigiatore, attore, autore e regista di una rappresentazione in cui niente e nessuno rimane simile a se stesso. Gli scambi di ruolo sono continui: chi spia sarà visto, chi guida sarà condotto, chi era vittima diventerà carnefice. Al posto dello scenario quotidiano il Dio crea a suo piacimento un teatro fantastico, fatto di illusione, di gioco, di smarrimento, di distruzione. Dioniso è uno straniero, è lo straniero dentro di noi. E’ la nostra ambiguità. Ci mostra le pulsioni feroci e le debolezze dell’ animo umano che per Euripide non consentono perdono o assoluzione”.
Il Teatro dell’Orologio è in Via Filippini 17.    

Prenotazioni per il pubblico 06-68392214.

Orario Spettacoli: dal martedì al sabato h 21.00, domenica h.18.00.

[17-01-2011]

 
Lascia il tuo commento