Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Achille Lollo in Procura

si è avvalso della facoltà di non rispondere

Ventiquattro anni dopo la sua fuga in Brasile, Achille Lollo è a Roma per raccontare la sua versione dei fatti sul rogo di Primavalle. È arrivato negli uffici della Procura di Roma di piazza Adriana per essere interrogato dal pm Luca Tescaroli, l'ex esponente di Potere Operaio, condannato a 18 anni di reclusione, pena prescritta, per la morte dei fratelli Stefano e Virgilio Mattei, uccisi il 16 aprile del 1973 nel rogo dell'abitazione dell'allora segretario della sezione dell'Msi di Primavalle. Lollo fu condannato insieme a Manlio Grillo e Marino Clavo a 18 anni per omicidio preterintenzionale.

L'interesse degli inquirenti della capitale ad ascoltare Lollo è legato ad un'intervista che l'uomo rilasciò nel 2005 in cui, parlando della morte dei fratelli Mattei, tirò in ballo anche altre tre persone: Elisabetta Lecco, Diana Perrone e Paolo Gaeta. Lollo tuttavia si è avvalso della facoltà di non rispondere, secondo  quanto trapelato nel pomeriggio in ambienti giudiziari. L'uomo, accompagnato dagli avvocati Tommaso Mancini e Marika Ballardin, non ha risposto alle domande del pubblico ministero Luca Tescaroli. Il verbale in cui è attestato il rifiuto a rispondere è stato secretato

Un gruppo di attivisti appartenenti al gruppo di destra 'Noi oltre' ha manifestato fuori gli uffici della Procura in piazza Adriana dove si è svolta l'audizione. I manifestanti hanno esposto uno striscione - "la nostra memoria non si prescrive, giustizia per i fratelli Mattei" - e hanno scandito slogan contro Lollo. Al sit-in di protesta presente anche il consigliere comunale del Pdl Ugo Cassone il quale ha chiesto "che venga fatta giustizia". "Crediamo - ha aggiunto - che sia giusto oggi dare il benvenuto ad un infame assassino. A chi, da anni, assieme ai compagni degli anni '70 oggi divenuti giornalisti magistrati e intellettuali presunti ha coperto per più di 30 anni la verità sulla strage di Primavalle, diciamo che la nostra memoria non va in prescrizione".
 
 

[17-01-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE