Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

''Ni una más'', flash mob contro il femminicidio

lunedě presidio davanti all'ambasciata del Messico

Non una di più. E' lo slogan con cui l'associazione "Donne daSud" accoglie l'invito delle donne messicane a protestare contro i 446 omicidi di donne del 2010, 900 negli ultimi cinque anni, tutti avvenuti nella città messicana di confine Ciudad Juarez, nella regione del Chihuahua. L'ultimo brutale assassinio è quello d Susana Chavez, poetessa messicana, tredicesima vittima tra le attiviste del Paese.

In vista della mobilitazione internazionale di domani contro i crimini di femminicidio che stanno avvenendo in Messico, a Roma oltre 10 donne hanno dato vita ad un flashmob stamane alle ore 11 davanti al Palazzo delle Esposizioni, indossando le magliette con le mani insanguinate e tenendo alte le croci rosa con i nomi delle donne che sono state recentemente ammazzate in Messico. Le "Donne da Sud" hanno inoltre srotolato uno striscione con la scritta "Ni una más".

E’ stato scelto un luogo simbolico in cui si svolgono in questo momento tre mostre sul Messico. I simboli utilizzati erano gli stessi della lotta del movimento di "Ni una mas" delle donne messicane per denunciare il recente assassinio di Susana Chávez.
A Ciudad Juárez, nello Stato di Chihuahua in Messico, solo l’anno scorso sono state assassinate 446 donne secondo lo stesso rituale: rapimento, tortura, sevizie sessuali, mutilazioni, strangolamento.

Donne daSud accoglie l'invito delle donne messicane e partecipa domani lunedì 17 gennio alla mobilitazione delle ore 10, in Via Spallanzani 16 a Roma, davanti all'Ambasciata messicana, "per manifestare il proprio sdegno davanti a un omicidio che la questura vuole far passare per un incidente".

SC

[16-01-2011]

 
Lascia il tuo commento