Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

La versione di Barney

di Richard J. Lewis. Con Paul Giamatti, Dustin Hoffman

di Clelia Verde

La storia dell’ebreo canadese Barney Panofsky, un uomo apparentemente ordinario che racconta la sua versione dei fatti sulla sua vita straordinaria: i tre matrimoni falliti, il tenero rapporto col padre, la scomparsa del suo miglior amico Boogie, per il cui omicidio Barney è il primo sospettato. La memoria e l’alcool non sempre aiutano Barney in una chiara esposizione dei fatti che peraltro egli sembra voler chiarire più a se stesso che allo spettatore.

Basato sul romanzo - culto dell’autore canadese Mordecai Richler edito in Italia dall'Adelphi (fu famoso il caso del quotidiano Il Foglio che addirittura ingaggiò una campagna pro-Richler) il film va ovviamente visto cercando di rimuovere il piacere e le emozioni che lo straordinario romanzo potrebbe avervi procurato.

Nel raro caso in cui doveste riuscirvi troverete sullo schermo un Paul Giamatti al suo meglio e la cui interpretazione vale da sola il prezzo del biglietto. E ancora: un divertente Dustin Hoffman nei panni dell’irriverente padre di Barney, un azzeccatissimo Scott Speedman nel panni dell’amico Boogie, e un eccezionale ed eterogeneo tris di mogli (Minnie Driver, Rosamund Pike e Rachelle Lefevre). Sebbene la struttura del libro sia stata totalmente stravolta passando da una serie di flashback disordinati ad un rigore cronologico talvolta pesante tutti i personaggi non perdono il loro fascino ed il loro rapporto con Barney risulta coerente (persino il legame di Barney con una diva un po’ attempata delle disgustose soap opera da lui prodotte rivelerà una certa grazia).

Il Barney regalatoci dal regista (perlopiù televisivo) Richard J. Lewis è un Barney ripulito nel linguaggio e lubrificato con la melassa di Hollywood eppure la storia della sua scombinata vita tra un whiskey e un Montecristo continua a sedurre anche al cinema.
 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[13-01-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE