Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rugby
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Rugby
 
 

Eccellenza, vincono Roma e Lazio

Nell’ultima partita del girone d’andata la Rugby Roma supera in casa il Petrarca Padova e la Mantovani Lazio espugna il campo del Marchiol Mogliano

Rugby Roma – La Futura Park Rugby Roma incomincia l’anno nuovo col piede giusto: 21-9 contro il Petrarca Padova e quattro punti che non cambiano la storia del campionato dei romani ma fanno morale. È una bella Rugby Roma quella che batte i padovani: due mete, una per tempo, firmate da Diego Varani e Gregorio Rebecchini. Ma è lungo tutto l’arco del match che i bianconeri meritano il successo: il vantaggio di Padova (0-6 dopo venti minuti) non toglie lucidità ai padroni di casa che pareggiano con i due calci di Rodriguez e vanno in vantaggio con la meta di Varani. Nel secondo tempo Rodriguez dalla piazzola allunga ancora, e poi, quasi allo scadere, Rebecchini va in meta chiudendo una partita amministrata benissimo. Per Petrarca nel secondo tempo solo tre punti dal piede di Marcato. La Rugby Roma sale a 22 punti, la zona play off è lì davanti a 5 punti, non così pochi ancora per poter sperare nell’aggancio. 

Mantovani Lazio – Anche la Mantovani Lazio inaugura bene il 2011. Sul campo del Marchiol Mogliano, i biancocelesti vincono di un punto e all’ultimo secondo. La partita tra le due squadre è praticamente tutta giocata nel secondo tempo. I primi 40 minuti si chiudono sul 3-3 grazie alla punizione di Law per la Mantovani Lazio e alla risposta di Fadalti. Poi, nella seconda frazione, i due piazzati di Law che valgono il 3-9 sembrano spingere la partita verso gli ospiti. Invece i padroni di casa in poco più di dieci minuti trovano il doppio guizzo che vale il sorpasso: la punizione di Fadalti accorcia il punteggio e poi la meta di Candiago porta avanti il Marchiol Mogliano che a cinque minuti dalla fine si trova finalmente avanti 11-9. Ma la partita non è finita. Law infatti completa il suo bel pomeriggio (per lui 4/5 dalla piazzola) e a un minuto dalla fine calcia tra i pali il pallone del sorpasso: 11-12, e quattro punti che impreziosiscono la classifica della matricola biancoceleste, tranquilla a quota 16 punti. 

Le altre partite – Rovigo non spreca l’occasione, riceve sul proprio campo la Crociati BancaMonte Parma e la supera largamente 39-15 grazie a un primo tempo sontuoso, sufficiente per chiudere la partita. Tra le mura amiche dello stadio Battaglini il Rovigo segna 31 punti già nei primi 40 minuti: gli ospiti, tramortiti, marcano solo allo scadere della prima frazione e nel secondo tempo provano a rimontare. Impresa inutile, visto che Rovigo tiene bene e trova anche la meta che vale il bonus offensivo.
Per Venezia il 2011 comincia così come era finito il 2010: con una sconfitta, l’ennesima. I lagunari cadono sul campo dell’HBS GranDucato Parma con il punteggio di 22-5. partita sostanzialmente chiusa in poco più di un quarto d’ora con le due mete trasformate per i padroni di casa che nel secondo tempo ne realizzano un'altra. Per Venezia solo la meta di Previati a tempo scaduto.
Nel posticipo domenicale, Estra I Cavalieri Prato batte L’Aquila Rugby e agguanta Rovigo in testa alla classifica. 32-17 il punteggio finale, al termine di una partita dove Prato fa valere il tasso tecnico superiore. L’Aquila ci prova, si difende bene fin che può ma alla fine cede e torna a casa senza punti, rimanendo di fatto l’unica squadra a giocarsi la salvezza insieme al fanalino di coda Venezia.

Eccellenza – IX giornata
Femi-CZ Rovigo - BancaMonteParma Crociati 39-15
Futura Park Rugby Roma - Petrarca Padova 21-9
HBS GranDucato Parma - Casinò di Venezia 22-5
Marchiol Mogliano - Mantovani Lazio 11-12
Estra I Cavalieri Prato - L’Aquila Rugby 32-17

Classifica
Femi-CZ Rovigo 32; Estra I Cavalieri Prato 32; BancaMonteParma Crociati punti 28; Petrarca Padova 27; HBS GranDucato Parma 25; Futura Park Rugby Roma 22; Marchiol Mogliano 17; Mantovani Lazio 16; L’Aquila 6; Casinò di Venezia* 0.

(*quattro punti di penalizzazione)

Antonio Scafati

[09-01-2011]

 
Lascia il tuo commento