Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Non tutto risolto

Franca Valeri protagonista di un'eclettica monografia al Teatro Valle dall'11 al 30 gennaio prossimi

Franca Valeri protagonista di un'eclettica monografia di scena al Teatro Valle di Roma dall'11 al 30 gennaio prossimi. La popolarità della Valeri, legata a indimenticabili apparizioni cinematografiche e radiotelevisive come caratterista irridente del perbenismo borghese, si è sempre nutrita della sua raffinata pratica teatrale, cui l'artista si è dedicata in maniera quasi esclusiva dagli anni '80 in poi, offrendo alla regia ed inscenando lei stessa la sua lucida e dolente maschera comica. L'omaggio che il Valle dedica a questa straordinaria interprete, autrice, regista che ha attraversato la storia dello spettacolo italiano in più di sessant'anni di intensa attività, viene inaugurata dalla messinscena in prima nazionale di “Non tutto è risolto”, ultimo testo della Valeri in cui l'attrice, quasi interprete di se stessa, incarna un'anziana e brillante signora al crepuscolo di una vita lunga e avventurosa.                    

 In “Non tutto è risolto” la Valeri condivide il palco con Licia Maglietta, Urbano Barberini, Gabriella Franchini, diretta ancora una volta da Giuseppe Marini, suo affezionato regista fin dall'allestimento del 2006 de “Le Bonnes di Genet”. Si avrà anche l'occasione di rivedere uno scoppiettante cavallo di battaglia del repertorio della Valeri, la corrosiva Vedova Socrate (dal 25 al 28 gennaio), in cui l'artista, nella veste di autrice-regista-interprete, da' vita con la sua ironia e i suoi strali fulminanti al personaggio di Santippe, moglie di Socrate, che spiega e distrugge con comica eleganza il mito del grande filosofo greco. L'attraversamento della carriera della Valeri si conclude infine perlustrando territori paralleli all'attività teatrale con “Avrei voluto essere una mezzosoprano” (29 gennaio), serata con accompagnamento musicale interamente dedicata all'attività lirica della Valeri, e con “Io e il cinema”, una ben strana coppia (30 gennaio), appuntamento costruito a partire dalla proiezione del film di Vittorio Caprioli “Parigi, o cara!” (1962) per raccontare la passione dell'attrice per il grande schermo.

[08-01-2011]

 
Lascia il tuo commento