Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

L'inferno dei Somali in via dei Villini

vivono in 140 in condizioni al limite, sono rifugiati politici

Un inferno dei viventi proprio nel centro di Roma. La denuncia di medici per i diritti umani non rende l’idea delle condizoni in cui vivono i rifugiati Somali nella ex ambasciata di via dei Villini. Nella struttura, abbandonata da quasi vent’anni, sono ospitati circa 140 profughi della guerra civile in Somalia. 

Sono in Italia da diversi mesi, alcuni da anni, addirittura vivono qui dal 2004, come riportato da un articolo del New York Times di ben 6 anni fa. La maggior parte di loro ha regolare permesso di soggiorno per protezione internazionale. Dopo aver ottenuto il documento, sono stati abbandonati a se stessi, mettendo a nudo le carenze del sistema di accoglienza e integrazione del nostro paese. La storia di questi uomini e donne è il dramma di un paese, ex colonia italiana in epoca fascista, devastato da oltre 20 anni di guerra civile. 

Le condizioni igieniche e sanitarie sono ai limiti della dignità umana.  Mancano i bagni, l’acqua calda, la luce e il gas. Per scaldare un po’ d’acqua i ragazzi imporovvisano dei falò direttamente con l’alcool, una scintilla di troppo e si rischia il disastro.
 
 

[27-12-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE