Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Gli studenti sfilano in città

evitata la ''zona rossa'', corteo in periferia

Da piazzale Aldo Moro gli universitari, da piazzale Ostiense e da piazza Trilussa gli studenti di medie e licei: sono questi i punti da dove sono partiti stamattina i cortei contro la riforma Gelmini, che oggi dovrebbe essere approvata in Senato.

Gli studenti universitari sono partiti alle 10,30, in leggero ritardo rispetto all’orario previsto. Sulle note ironiche di una waka waka rivisitata, con un testo adattato alla riforma Gelmini, hanno percorso via Tiburtina e hanno sfilato per san Lorenzo dove sono stati accesi dei fumogeni. I ragazzi si sono diretti poi verso il Pigneto. Come era stato promesso ieri, dunque, gli universitari hanno deciso di ignorare la zona rossa e il centro di Roma, con quelli che hanno definito i palazzi del potere, per raggiungere un quartiere popolare.

Meta degli studenti dei licei, invece, sembrava essere il ministero dell’istruzione in viale Trastevere che invece hannio cambiato percorso e sono saliti sul Gianicolo.

Due i gruppi di manifestanti: il primo partito da piazzale Ostiense verso le 11 e un quarto; gli altri si sono mossi da piazza trilussa. Non moltissimi i ragazzi, tra i quali per molto tempo c’è stata incertezza sul da farsi. Poi la partenza verso viale Trastevere. Ma a poche centinaia di metri dal dicastero, gli studenti hanno deviato il percorso, dirigendosi prima verso piazza san Cosimato e poi verso il Gianicolo.

Striscioni e cori contro il governo ma nessuna tensione: la manifestazione ha avuto caratteri assolutamente pacifici. E la promessa di essere imprevedibili è stata mantenuta, con percorsi a sorpresa cambiati in corsa.

Una delegazione di universitari, invece, si è staccata dal grosso del corteo per dirigersi a corso Italia, presso la sede della Cgil alla quale hanno consegnato una lettera per chiedere lo sciopero generale. Un altro gruppetto di universitari ha consegnato invece un ironico pacco dono contenente i tagli alla ricerca al policlinico Umberto I.

 
 

[22-12-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE