Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Finto ordigno trovato nella metro B

si indaga per procurato allarme

Procurato allarme: è l'ipotesi di reato formulata dalla procura di Roma, che ha aperto un fascicolo contro ignoti riguardo la finta bomba rinvenuta ieri sotto il sedile di un treno della linea B della metropolitana.

Nelle prime ore dopo il ritrovamento dell'ordigno i capi d'imputazione più probabili erano sembrati detenzione e porto di materiale esplosivo, ma l'esame del plico di cartone riempito di polvere pirica ha fatto cambiare idea al magistrato: gli accertamenti condotti da investigatori, carabinieri e vigili del fuoco hanno appurato che si trattava di un ordigno ben confezionato e dotato di un timer sofisticato per essere azionato a distanza, ma del tutto innocuo, in quanto sprovvisto di innesco. un gesto dimostrativo e intimidatorio dunque, senza volontà di arrecare danni. Un gesto a tutt'oggi non rivendicato.

Le indagini sono seguite dal Procuratore aggiunto Saviotti, capo del pool antiterrorismo della capitale, e si stanno concentrando sui filmati a circuito chiuso della stazione Rebibbia per cercare di risalire al responsabile della collocazione della bomba sul vagone. 
 
 

[22-12-2010]

 
Lascia il tuo commento