Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

La banda dei Babbi Natale

di Paolo Genovese. Con Aldo, Giovanni e Giacomo.

di Flavia D'Angelo

Aldo, Giovanni e Giacomo sono tre amici uniti dalla passione per le bocce e incapaci di tenersi fuori dai guai. La notte di Natale finiscono tutti e tre in questura per un’improbabile furto e, nel tentativo di discolparsi, lasceranno allibita l’ispettrice di turno con il racconto delle loro avventure tanto inverosimili da essere vere.

Arriva in sala per Natale LA BANDA DEI BABBI NATALE, ultimo film dei trio nato nei teatri e nei cabaret, cresciuto in televisione e approdato al cinema, con alterne fortune. Arrivati all’ottavo film Aldo, Giovanni e Giacomo confermano la tradizionale formula della commedia “per famiglie”, arricchito da volti noti a un pubblico trasversale, da Angela Finocchiaro e Giorgio Colangeli passando per Antonia Liskova e Mara Maionchi. Alla regia Paolo Genovese, anche lui itinerante tra progetti cinematografici e televisivi.

La comicità di Aldo, Giovanni e Giacomo si basa su un affiatamento quasi perfetto, tempi comici impeccabili e una divisione dei “caratteri” consolidata ed efficace. Naturale quindi che il film sia interamente costruito intorno a questi punti di forza, con un meccanismo che dosa comicità di parola, di carattere e fisica lasciando più spazio alle ultime due e puntando a un pubblico ampio e trasversale.

In questa operazione la trama non è essenziale ma i co-sceneggiatori (insieme al Trio) Bariletti, Bertacca e Preda riescono a evitare l’effetto - cabaret – fatto di sketch tenuti insieme da un esile filo – a favore di una storia (e di storie) viste e riviste, ma almeno ben costruite. Il ritmo blando – televisivo, verrebbe da dire – non disturba, servendo al meglio la costruzione delle situazioni comiche. LA BANDA DEI BABBI NATALE ha l’indubbio merito di non travestirsi da ciò che non è (una commedia) e di cercare l’ampio – e talvolta insospettato – pubblico del film comico, né volgare né intellettuale con cui completare le proprie feste di Natale.
 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[16-12-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE