Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
libri & letteratura
 
» Prima Pagina » libri & letteratura
 
 

La strage di Settembre Nero

Salvatore Lordi e Annalisa Giuseppetti raccontano in un libro quel drammatico evento del 1973 a Fiumicino

E’ passato poco più di un anno dall’attentato terroristico di Monaco quando il mondo, ancora sotto shock per la morte degli atleti israeliani alle olimpiadi, assiste stordito alla mattanza scatenata dal terrorismo di matrice arabo-palestinese in Italia.

Tutto ha inizio alle 12.50 del 17 dicembre del 1973 quando un commando di Settembre Nero lancia due bombe al fosforo a bordo del Boeing 707 della Pan America in sosta all’aeroporto Leonardo da Vinci. Drammatico il bilancio: 32 morti, 17 feriti, il sequestro di un aereo della Lufhtansa che sorvolerà i cieli del Medioriente con sei poliziotti a bordo in una odissea che terminerà dopo trenta ore a Kuwait City. Cosa rimane, oggi, di quella vicenda che tenne con il fiato sospeso tutto il Paese?

A 37 anni di distanza Salvatore Lordi e Annalisa Giuseppetti hanno cercato di far luce su quel drammatico evento con un libro dal titolo “La strage di Settembre Nero”. Per la prima volta, infatti, i testimoni oculari parlano di fatti rimasti nell’ombra, rivelano scenari a dir poco sconvolgenti. Perché uno dei terroristi indossava la tuta degli operatori dell’Asa? Chi era il fantomatico “Generale K” che fece visita alla famiglia di Domenico Ippoliti morto ad Atene? E soprattutto chi seguiva, come un fantasma, l’aereo dei dirottatori? Interrogativi ancora senza risposte in una vicenda ancora da analizzare a fondo. “Stragi definitivamente cancellate” – scrive Sandro Provvisionato nella prefazione parlando anche dell’altro attentato allo scalo romano del 1985.

E degli autori cita “il lavoro “paziente, minuzioso, certosino che li vede muoversi come abili investigatori del passato nei meandri di quello che a pieno titolo può essere considerato un cold case, un caso freddo nella storia della sporca guerra che il terrorismo ha combattuto sul terreno della nostra penisola”. In queste pagine si aprono scenari in odore di depistaggi con la complicità dei servizi segreti, di intese italo-palestinesi, della partecipazione del Mossad nel primo grave attentato aereo della storia della Repubblica Italiana.

[13-12-2010]

 
Lascia il tuo commento