Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Grottarossa, aereo leggero precipita su deposito Atac

muore il pilota, aperta inchiesta su cause incidente

Il volo è durato un solo minuto, poi lo schianto e le fiamme. Un Piper Pa 32 decollato alle 15.42 dall'aeroporto dell'Urbe, è precipitato tra via di Grottarossa e via Flaminia, all'interno del deposito di manutenzione Atac di via Grottarossa, il più grande della capitale.

Ai comandi c'era Giovanni Magliocca, 51 anni, morto nell'impatto. A quanto si apprende, il piccolo aereo privato era un Piper Pa 32 appena decollato dall'aeroporto dell'Urbe, uno scalo distante qualche chilometro dal deposito dell'Atac. Il velivolo stava eseguendo una manovra di planaggio, quando è finito sul capannone Atac, urtando su una base di cemento.

Il funzionario direttivo dei vigili del fuoco Stefania Fiore ha dichiarato che «volava ad una bassa altitudine». La chiamata ai vigili del fuoco è arrivata alle 15.45. E sempre i vigili del fuoco confermano che i primi soccorsi sono stati portati dal personale Atac in servizio all'interno del deposito. L'Agenzia nazionale sicurezza volo (Ansv) ha aperto l'inchiesta tecnica di propria competenza sulle cause dell'incidente.

DEPOSITO ATAC - Non risultano esserci vittime tra i dipendenti dell'Atac, dipendenti che per il giorno di festa erano presenti in numero contenuto nella zona dell'impatto. Il piccolo aereo è rimasto incastrato sulla copertura del capannone-officina del deposito, provocando danni allo stabile che è stato già sequestrato ed è a disposizione per le verifiche tecniche. Le fiamme subito domate hanno colpito solo il velivolo.

TESTIMONE - «Quando siamo arrivati sul luogo dello schianto il capo operaio e un altro dipendente hanno messo mano agli estintori. Vito ha preso l'idrante e ha spento le fiamme». A raccontarlo è Alessandro Vergili, 40 anni, operaio di una ditta che si occupa della manutenzione dei pneumatici nella rimessa Atac di Grottarossa dove nel pomeriggio si è schiantato l'aereo. «Io non ce l'ho fatta - ha aggiunto - perchè ho avuto un altro incidente, sette anni fa, proprio in questo stabilimento e sono rimasto impietrito. Poi ho visto quel poveretto del pilota che era già a terra, carbonizzato. Sicuramente era già morto».

[08-12-2010]

 
Lascia il tuo commento