Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Storie Metropolitane
 
» Prima Pagina » Storie Metropolitane
 
 

Incroci pericolosi sulla Cristoforo Colombo

incidenti e file chilometriche, la denuncia dei cittadini

Incroci troppo pericolosi, spesso teatro di incidenti e file chilometriche. La denuncia arriva dal'Associazione Culturale Infernetto e Dintorni. L'incrocio in questione è quello sulla Cristoforo Colombo con via Pindaro (nella foto l'ultimo incidente).

Non si conosce l'esatta dinamica dell'evento, ma dall'immagine si può capire che, oltre alle 2 auto coinvolte, ci ha rimesso anche il semaforo posto proprio all'angolo della strada rimasto divelto nella carambola delle auto.

Ma le luci dell'impianto semaforico erano state cambiate di recente e avrebbero dovuto assicurare un'alta visibilità del segnale. A quanto pare, il problema non è nella visibilità o meno del semaforo, ma più semplicemente nel rispetto del codice della strada.

I quartieri del XIII Municipio limitrofi alla Colombo, soffrono di una inadeguata rete viaria. L'incrocio sulla Colombo con via Pindaro è stato giudicato da QUATTRORUOTE come il "più pericoloso della capitale". Ma questo non è l'unico punto critico del quartiere Eur, Infernetto, altro incrocio, altro disastro. Si tratta dello svincolo tra via Cilea, viale di Castel Porziano e via Torcegno.

Questa foto ritrae l'incrocio alle 8.15 del 14 marzo e, come si vede, l'assenza dei Vigili Urbani è determinante.

La situazione fotografata è tutto sommato idilliaca rispetto alle volte in cui, troppo spesso, si formano file chilometriche solo per cercare un attraversamento. Infatti la vicinanza di 2 scuole (una a maggior affluenza: la Mozart, ed una materna: il Cucciolo), la mancanza di un parcheggio adeguato, l'immediata vicinanza di un centro commerciale ed il capolinea dello 066, trasformano l'incrocio, nell'ora di punta, in una fermata forzata.

La cittadinanza ha chiesto più volte, con diverse petizioni, la creazione di un parcheggio, i marciapiedi, l'allargamento di via Torcegno e la presenza di un vigile urbano o di un semaforo che regoli il flusso dei veicoli e dei pedoni almeno durante gli orari di entrata ed uscita dei bambini dalle scuole, ma anche per questo incrocio ad oggi c'è un nulla di fatto.

da: Infernetto e Dintorni

[18-03-2007]

 
Lascia il tuo commento