Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

L'ultimo esorcismo

di Daniel Stamm. Con Patrick Fabian, Ashley Bell

di Svevo Moltrasio

Il ministro evangelico Marcus viene chiamato dal proprietario di una fattoria per un esorcismo sulla figlia. L'uomo andrà con tanto di troupe per smascherare una volta per tutte questa ingenua credulità. Se ne vedranno delle belle...

Ad opera dello sconosciuto Daniel Stamm è la nuova pellicola che sfrutta l’effetto real movie, giocando sulla pseudo veridicità delle immagini per raccontare una storia agghiacciante. Il responso al botteghino statunitense è stato piuttosto buono, soprattutto nei primi giorni – costante di questo tipo di operazioni – e, cosa che ormai incuriosisce, come capitato anche per il ridicolo e analogo PARANORMAL ACTIVITY, la critica americana ne è rimasta positivamente colpita.

Certo il mercato continua a favorire prodotti del genere che vengono realizzati con budget contenuti ma che ottengono incassi in linea con le grandi produzioni. Per quanto riguarda i contenuti, nell’analizzare questi film si rischia di ripetersi, visto come siano pensati e realizzati senza troppe novità rispetto al “capo branco” THE BLAIR WITCH PROJECT. Inoltre, anche in questo caso, è un trionfo di riferimenti a pellicole dello stesso genere, inteso horror e dintorni – impossibile ovviamente non pensare a L’ESORCISTA – il tutto condito dalla contraddittoria inverosimiglianza della messa in scena.

Il merito, limitato, della pellicola è che tenta di andare avanti nella scrittura della vicenda, con qualche svolta che per quanto irragionevole e poco originale – e aumentano i film di riferimento compreso ROSEMARY’S BABY - perlomeno tiene sulla soglia del sonno l’attenzione dello spettatore. Tutte le premesse iniziali, con la presentazione dell’eccentrico protagonista e della sua “missione”, ovviamente si sgretolano in pochi minuti.
 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - stamm - fabian - real
 

[02-12-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE