Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Tornando a casa per natale

di Bent Hamer. Con Nina Andresen Borud, Trond Fausa Aurvaag

di Flavia D'Angelo

Nella cittadina norvegese di Skogli si incrociano le storie di alcuni dei suoi abitanti, ognuno impegnato a trascorrere una Vigilia di Natale molto diversa dal consueto. Un padre separato si travestirà da Babbo Natale pur di rivedere i figli, un ragazzo fingerà di non festeggiare il Natale pur di passare la serata con la ragazza musulmana di cui è innamorato e un medico in crisi coniugale assisterà una misteriosa coppia …

Il quarto lungometraggio di Brent Hamer - candidato agli Oscar 2003 per il miglior film straniero con KITCHEN STORIES - è sceneggiato dallo stesso regista a partire dal libro Only soft presents under the tree di Levi Hanriksen. Presentato in anteprima europea al Donostia – San Sebastian Film Festival, ha vinto il Premio della Giuria per la Miglior Sceneggiatura.

Dopo la commedia agrodolce IL MONDO DI HORTEN, Hamer si confronta nuovamente con un’atmosfera “nordica”, rarefatta ma carica di emozioni. Nella prima parte il film si concentra sull’incastro tra le varie storie passando velocemente la fase di presentazione dei personaggi. Il principale difetto di TORNANDO A CASA PER NATALE nasce proprio dalla difficoltà di creare un legame emotivo tra lo spettatore e i personaggi nel momento di costruzione delle storie. La dinamica del film a episodi prevale sulla visione corale, comprimendo le emozioni in uno stile descrittivo che – pur apprezzato quale caratteristica di parte del cinema nord-europeo – non riesce a decollare pienamente a causa della struttura stessa del racconto.

Alcune immagini insistite e un uso delle musiche banale rallentano un film per altri aspetti arricchito da una regia più che buona e da alcune notevoli interpretazioni. Nonostante una nota di merito per il mancato eccesso di sfruttamento dell’ambientazione “natalizia”, TORNANDO A CASA PER NATALE si inserisce pienamente, e inesorabilmente, nel genere del “film di natale” – sia pure “d’autore” – interessante ma non indispensabile.
 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - hamer
 

[02-12-2010]

 
Lascia il tuo commento