Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Albanese ucciso a Capodanno

fermati due cugini albanesi

Una vera e propria esecuzione, avvenuta vicino ad un locale in via dell’ Arco di Travertino, furono sparati due colpi d'arma da fuoco e fino ad oggi un omicidio senza colpevoli.

Ma l’agguato di Capodanno adesso, secondo gli inquirenti, potrebbe avere una soluzione. Gli agenti della squadra mobile, infatti, hanno fermato nella notte, con l'accusa di omicidio volontario, due cugini albanesi di 22 e 28 anni, entrambi clandestini con precedenti penali. Alri due fermi sono stati effettuati per favoreggiamento: una donna rumena di 28 anni e un altro albanese di 22.

I due stranieri sono ritenuti responsabili dell'omicidio del loro connazionale Dritan Shametj, di 21 anni. Il ragazzo fu trovato agonizzante davanti ad una paninoteca alle 6.30 del mattino del primo gennaio. Le indagini, partite subito dopo l'uccisione, sono state condotte senza sosta dalla sezione omicidi della mobile, diretta da eugenio ferraro, e coordinate dal sostituto procuratore piero polidori. Pedinamenti ed interrogatori soprattutto nel mondo della prostituzione sulla salaria…l'assassinio sarebbe maturato in seguito ad una banale rissa tra due gruppi rivali, iniziata qualche ora prima degli spari, esattamente la notte di capodanno in un locale di ciampino, il “vox maris”. Poi la fuga delle due auto rivali fino all’Appio. Colpito da due colpi di pistola, uno al ventre e l’altro, fatale, all’aorta addominale, la vittima, un immigrato clandestino come i due prestunti assassini, riusci’ a trascinarsi davanti alla panitoteca, affollataa di clienti reduci dalla notte di festeggiamenti, per chiedere aiuto. I colpi d’arma da fuoco non destarono un allarme immediato, perche’ confusi coi botti di capodanno. Ma alla vista dell’uomo agonizzante, scatto’ subito la rischiesta di aiuto.

Per il giovane albanese pero’, nonostante i soccorsi, non ci fu nulla da fare. Mori’ poche ore dopo il trasporto all’ospedale Vannini sulla Casilina. Allora si penso’ subito ad una lite, forse per droga o per il racket della prostituzione. Ma la causa invece sarebbe quella di una banalissima rissa in discoteca legata alle dediche musicali da fare, probabilmente favorita dai fumi dell’alcol.

 
 

[17-03-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE