Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, Menez incanta l'Olimpico

2-0 all'Udinese: gol del francese e di Borriello.

Una vittoria non priva di sofferenze. Sofferenze alleviate, tuttavia, dalla luce che finalmente si è accesa fra i piedi di Jeremy Menez. Così, basta il francesino per avere ragione di un’Udinese non priva di spessore né di sfortuna. Quel che più conta, però, nella solita ecatombe di infortunati, è che la serie positiva della Roma prosegua, e che il contatto col gruppo di testa non venga perduto.
Ranieri, con Riise infortunato dell’ultima ora e Pizarro non ancora pronto ad affrontare il campo, sceglie Castellini al posto del norvegese e una linea mediana d’emergenza, con Greco, Simplicio e Brighi. In avanti confermata la politica del turn-over fra Vucinic, Totti e Borriello (questi ultimi due in campo), e Menez fisso a supporto. La sfida si apre con un brivido (eufemismo): Domizzi si trova fra i piedi un pallone d’oro da distanza ravvicinata, ma la conclusione scheggia la traversa. Al 16’ di nuovo pericolosi gli ospiti, stavolta con Floro Flores, che calcia centralmente da posizione pericolosa e chiama a un intervento facile Julio Sergio. Il maggior possesso di palla, però, favorisce l’emergere alla distanza da parte della Roma, che squilla per la prima volta al 20’: Francesco Totti va alla conclusione, Handanovic respinge e Juan, in mezza girata, prova il tap-in che viene deviato in angolo. E’ il preavviso di ciò che avverrà tre minuti più tardi. Quando, però, a inventare il gol sarà il talento di Jeremy Menez: il francese parte da centrocampo, salta due uomini e batte Handanovic con un destro a girare. E, naturalmente, standing ovation. L’Udinese, a parte una prima reazione (con Julio Sergio a intercettare Di Natale, favorito da un pasticcio difensivo), non riesce a scuotersi, e la parte finale del secondo tempo sembra far presupporre vita facile per la Roma.
E la strada sembra ancora più spianata dopo undici minuti del secondo tempo: è di nuovo Menez l’origine dell’azione, con una verticalizzazione per Borriello (inclusa finta di Totti) che protegge palla in area e beffa Handanovic sul primo palo. Unica ombra: poco prima, Juan rischia di regalare un rigore all’Udinese, che Orsato non concede. Il raddoppio concede a Ranieri la possibilità di preservare Menez per la Champions (dentro Julio Baptista), e di concedere venti minuti al rientrante Adriano (ancora lontano da una condizione accettabile) al posto di Borriello. Guidolin, che già aveva inserito Sanchez per Inler, prova a dare una scossa con Badu al posto di Isla e con Denis per uno spento Floro Flores. Con pochi risultati: la Roma è in controllo del match. Almeno fino al 36’, quando Orsato interpreta la consueta quantità di spinte in area in occasione di un corner come un pugno di Burdisso a Domizzi (inesistente), e caccia l’argentino. Ranieri copre la toppa con Mexes al posto di Totti (col quale si concede uno scambio di sorrisi), e l’Udinese rischia di riaprire la partita. Con Sanchez, prima di tutto: il cileno centra il palo al 37’ con una sventola dai 25 metri. E, nel finale, con Denis, che segna ma viene fermato in fuorigioco: inesistente quello dell’argentino, possibile quello dell’assistman Di Natale.
Ha ragione Ranieri: è una Roma diversa, quella che vediamo in questo periodo. Una Roma che ha riconquistato fiducia e determinazione, nonostante l’affollamento dell’infermeria. Alcuni giocatori (Totti, in primo luogo) non sono al massimo della condizione. C’è però un Menez in crescita di partita in partita: il francese sta lavorando sul caratteristico problema della continuità. Dovrà farlo anche sulla capacità di essere costantemente al centro del gioco. Ma i suoi lampi stanno diventando sempre più impressionanti. Al gradino di “fuoriclasse” non manca molto.

Simone Luciani


Roma-Udinese 2-0

ROMA
: Julio Sergio; Cassetti, Juan, Burdisso, Castellini; Brighi, Simplicio, Greco; Menez (17'st Baptista); Totti (38'st Mexes), Borriello (25'st Adriano). Lobont, Cicinho, Pizarro, Vucinic). All. Ranieri.
UDINESE: Handanovic; Benatia, Coda, Domizzi; Isla (22'st Badu), Inler (1'st Sanchez), Asamoah, Pinzi, Armero; Floro Flores (25'st Denis), Di Natale. (Belardi, Angella, Pasquale, Corradi). All. Guidolin. ARBITRO: Orsato di Schio.
MARCATORI: 24' pt Menez; 11'st Borriello.
NOTE: serata umida, terreno in buone condizioni, spettatori 30.000. Ammoniti Inler (U), Simplicio (R), Pinzi (U), Cassetti (R). Espulso al 35'st Burdisso (R) per gioco scorretto. Angoli: 6-6. Recupero: 2'pt, 3'st.

[21-11-2010]

 
Lascia il tuo commento