Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Liceali e universitari in piazza

proteste contro la riforma, traffico in tilt

Gli studenti sono scesi di nuovo in piazza per protestare contro la riforma Gelmini. I ragazzi delle scuole superiori si sono radunati a piazza della Repubblica e hanno aspettato gli universitari partiti da piazzale Aldo Moro.

Verso le undici e mezza, hanno disceso via Cavour diretti a  piazza Navona, destinazione finale del corteo. Paralizzato il centro città, con 55 linee di bus deviate e alcune strade chiuse al traffico. Congestionata tutta l’area intorno alla stazione Termini, ma disagi ci sono stati anche sulla nomentana, verso il centro, e all’incrocio tra viale Trastevere e il lungotevere, dove circa 300 studenti si sono sdraiati a terra bloccando il traffico.

Così a Roma si mobilita la scuola nella Giornata internazionale del diritto allo studio. In contemporanea con altre cento piazze d'Italia. «Siamo 200mila in tutta Italia», dicono la Rete degli Studenti e l'Unione degli Universitari. «In 20mila in piazza solo a Roma».

I COMMENTI - «Non possiamo mettere il silenziatore alla protesta degli studenti, ma quello che dobbiamo fare è ascoltare le loro idee e proposte perchè sono la base per edificare la nuova Italia» ha commentato il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti. «Non investire nei giovani e addirittura non prestare attenzione alle loro rivendicazioni è un vero e proprio delitto, la prova schiacciante che questo governo non ha alcuna voglia di offrire al nostro Paese un'altra possibilità. «Alle migliaia di ragazzi e ragazze che protestano a Roma o nelle altre città italiane voglio far arrivare tutta la mia solidarietà e il mio appoggio: le riforme devono essere un processo condiviso e mai imposto da chi finora si è dimostrato capace solo di tagliare le risorse alle scuole e alle università italiane». «Le manifestazioni di oggi sono l'ennesima dimostrazione di come alcune frange di studenti vengano strumentalizzate dalla sinistra», ha invece dichiarato Paola Frassinetti, vicepresidente della Commissione Istruzione alla Camera e relatrice della Riforma Universitaria.

[18-11-2010]

 
Lascia il tuo commento