Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Tempo di saldi, il Lazio sceglie le date

sconti posticipati, ''doppio danno su Roma''

Il Lazio sceglie le date per i saldi invernali, non allineandosi con le altre regioni i prezzi dimezzati partiranno, posticipati, dal primo al terzo sabato di gennaio e di luglio (15 gennaio e 16 luglio).

A deciderlo è stata la commissione Piccola e media impresa, commercio e artigianato del Consiglio regionale, di cui è presidente Francesco Saponaro (Lista Polverini) che ha approvato la proposta di legge. In attesa del sì definitivo (il provvedimento deve passare all'esame del Consiglio regionale) l'opposizione polemizza.

Una decisione, quella di far slittare l'inizio dei saldi di due settimane, "del tutto incomprensibile" per Francesco Pasquali, vicepresidente della commissione Ambiente. Ma non è l'unico ad avanzare dubbi. Se da una parte l'assessore alle Attività produttive, Pietro di Paoloantonio che ha presentato ieri il provvedimento, parla di una modifica alla legge vigente "necessaria visto l'attuale momento di crisi del settore e la richiesta dalle associazioni di categoria", per i consiglieri dell'Idv, Claudio Bucci e Anna Maria Tedeschi "la votazione è scandalosa nel merito e nel metodo. Ed è iniqua perché spingerà i cittadini a fare acquisti nelle regioni vicine". E per l'associazione Primoconsumo "la scelta ricadrà sui commercianti delle province e sui consumatori e danneggerà Roma che subirà un doppio danno: commerciale e turistico".
 
 

[16-11-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE