Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Festival del Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema » Festival del Cinema
 
 

MedFilm Festival: le novitÓ della XVI Edizione

Dall'11 al 22 Novembre un viaggio nelle cinematografie del Mediterraneo

Torna  a Roma il MedFilm Festival, l’unico festival internazionale italiano dedicato alle cinematografie del Mediterraneo. La XVI edizione sarà inaugurata Giovedì 11 Novembre con una serata a inviti presso l’Auditorium della Conciliazione nel corso della quale sarà consegnato il Premio Koinè ad Amara Lakhous, scrittore algerino e cittadino italiano che ha raccontato attraverso le sue opere il legame tra i popoli del Mediterraneo. Il suo primo romanzo “Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio” è diventato un film diretto da Isotta Toso.

L’Auditorium della Conciliazione e la Casa del Cinema ospiteranno circa 100 film e 60 protagonisti del cinema mediterraneo ed europeo per un’edizione che propone tre sezioni in concorso. La Selezione Ufficiale - dedicata esclusivamente alle cinematografie del Mediterraneo e del Medio Oriente – il Concorso Internazionale Documentari – giunto alla sua terza edizione – e il Concorso Internazionale Cortometraggi, che vedrà concorrere anche l’italiana Laura Bispuri con “Passing Time” .

Il Concorso Internazionale Cortometraggi assegnerà per il decimo anno consecutivo il Premio Methexis, attribuito da una Giuria composta dagli studenti delle scuole nazionali di cinema euero-meditterranee e detenuti delle carceri italiane aderenti al Progetto Methexis.
 Il progetto prevede il coinvolgimento di sette istituti di pena sul territorio italiano, da Padova a Palermo, dove 10 anni fa sono state fondate dal MedFilm 7 mediateche aggiornate annualmente con i nuovi film sul tema dell’intercultura.

Tra le novità della XVI edizione del MedFilm Festival la nuova sezione “Cinema del Presente – Nuova Europa” che ha come temi principali la frontiera nel duplice significato di barriera fisica e mentale. Privilegiate le opere di “nuovi” paesi come Iran, Iraq e Turchia e una selezione di opere che si concentrano nel racconto dei rapidi cambiamenti sociali in atto nella “Vecchia Europa”.
Lo sforzo delle Istituzioni Europee per sostenere l’integrazione culturale anche attraverso gli audiovisivi  – ricordiamo i programmi Eurimages e Media – sarà ricordato attraverso la programmazione dei tre lungometraggi finalisti del Premio Lux.

Fuori concorso Venerdì 12 Novembre alle ore 20.30 sarà presentata la versione italiana di “Cella 211” di Daniel Monzon, trionfatore ai Premi Goya 2010.
Attesa anche per “Korkoro/Liberté” di Tony Gatlif – ospite del Festival – sullo sterminio del popolo gitano durante la Seconda Guerra Mondiale. In concorso Venerdì 16 Novembre alle ore 20.30.

Tutte le proiezioni presso la Casa del Cinema sono a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Per ulteriori informazioni e per consultare il programma ufficiale del Festival si consiglia di visitare il sito ufficiale del MedFilm Festival.

 
 

[09-11-2010]

 
Lascia il tuo commento