Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ricostruzione in via Giustiniano Imperatore

Catarci ''Esempio concreto di demolizione e riqualificazione''

Demolire il vecchio per ricostruire e riqualificare.  Mentre si discute sul progetto presentato dal Campidoglio per Tor Bella Monaca, alla Garbatella c’è già un caso destinato a fare scuola per la capitale. 

Il primo comparto di intervento su via Giustiniano Imperatore, nell’XI municipio, è ormai prossimo alla conclusione.  Un successo che  rappresenta allo stesso tempo il completamento di un percorso amministrativo pieno di criticità e il primo passo di un progetto complessivo di trasformazione urbanistica senza precedenti.

VIA GIUSTINIANO IMPERATORE - IL PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE -

“Giustiniano Imperatore è  un esempio concreto, tra i primi in Italia, di demolizione e riqualificazione -ha detto il presidente del XI Municipio Andrea Catarci - All’abbattimento di due edifici fatiscenti, infatti, non è seguita solo la ricostruzione edilizia ma si è realizzata una vera e propria opera di trasformazione urbana. Oggi, mentre il Sindaco Alemanno fantastica di abbattere e ricostruire un intero quartiere come Tor Bella Monaca -ha detto Catarci- con circa 45 mila abitanti, si propone un confronto obiettivo, a cui, oltre allo stesso Sindaco, sono stati invitati Zingaretti e Polverini, su i vantaggi e le criticità che sono state incontrate durante il percorso speciale di ricostruzione che ha coinvolto questi primi edifici e che sta terminando.

Per un intero quartiere il procedimento sarebbe enormemente più complesso e comunque sarebbe sicuramente più opportuno riqualificare e arricchire il tessuto urbano esistente piuttosto che pensare a piani faraonici forse irrealizzabili".

Dagli sgomberi del 2001, all’avvio nel 2004 del programma di riqualificazione da parte del VI dipartimento comunale, tanti i passaggi che hanno richiesto concertazione e consenso tra più soggetti pubblici e privati. Parità delle cubature, stesse altezze degli edifici, aumento del verde e delle aree pedonali: queste le linee guida del modello "Giustiniano Imperatore", da molti già indicato come esempio di architettura di sistema su misura per la città di Roma.
 
 

[09-11-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE