Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Alitalia, probabile passaggio ad Air France

sindacati contrari

Tornano le nubi nel cielo di Alitalia. All’orizzonte, nel 2013, si profila il passaggio della compagnia aerea ad Air France; una soluzione già ventilata  durante il governo Prodi, poi scartata da Berlusconi. ma ora, dopo tre anni e tre miliardi di euro pagati dallo stato e dai vecchi azionisti Alitalia, profilata dallo stesso amministratore delegato Rocco Sabelli.

La strategia richiamata da Sabelli è quella di fondere le compagnie per creare un soggetto più grande e più competitivo a livello internazionale, ma i rischi di  assoggettamento sono evidenti: Alitalia sarebbe la parte debole, e con lei i suoi dipendenti.

Per questo i sindacati si dicono contrari, e accusano i manager di voler realizzare una vendita mascherata da fusione.

Non solo, ma i rappresentanti dei lavoratori ricordano che il riassetto di Alitalia, e la nascita di Cai, ha voluto dire sette anni di cassa integrazione per 7mila persone mentre l’azienda ha dato segnali di ripresa.

I soci italiani che fanno parte della cordata Cai scalpitano ma , per ora, sono obbligati a non vendere le loro azioni. Un obbligo che scadrà nel gennaio 2013 , a quel punto, dopo tanti sforzi e tanti soldi pubblici spesi, Alitalia potrebbe passare in mano francesi e si potrebbe ricominciare a sentire aria di crisi per lavoratori e scali italiani  
 
 

[03-11-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE