Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Piano caserme, riqualificazione edifici dismessi

Gianni Paris ''No alle speculazioni''

Quindici edifici militari saranno riconvertiti in alloggi di edilizia residenziale pubblica, scuole o asili. Lo stabilisce la delibera 60, approvata in consiglio comunale con 30 voti favorevoli, cinque contrari ed un solo astenuto. La lista delle vecchie caserme dismesse di roma che saranno qualificate comprende edifici in nove municipi: dal centro a Prati ma anche via Casilina, via Flaminia, via del Porto Fluviale e via del Trullo.

Per il sindaco Alemanno si tratta di un’opportunita’ unica: all’interno delle caserme, con un piano di valorizzazione degli immobili, verranno anche realizzati servizi per la città come biblioteche, asili, scuole e parchi e una quota di edilizia residenziale pubblica.

''L'amministrazione Alemanno a discapito dell'ostruzionismo dell'opposizione definisce per la prima volta un nuovo uso dei complessi immobiliari militari presenti in molti ambiti della nostra citta' -ha detto il presidente della commissione Urbanistica di Roma Capitale, Marco Di Cosimo- 'La delibera approvata dall'assemblea capitolina, grazie al lavoro svolto dalla commissione Urbanistica - prosegue - , ha subito notevoli miglioramenti che determineranno una maggiore velocita' di realizzazione degli stessi, un piu' puntuale utilizzo degli immobili negli spazi e nei territori in cui questi insistono, coniugando uno sviluppo armonico del territorio con la possibilita' di ottenere quei fondi necessari a coprire il buco di bilancio".

L’opposizione capitolina, però, teme che la delibera sia stata studiata ad hoc dalla maggioranza per fare cassa (si parla di 600 milioni di euro con la cessione degli immobili) e con il rischio che diventi un grosso affare di speculazione per i costruttori, anche se il Pdl capitolino promette “non ci saranno aumenti di cubatura”.

Dopo questa prima delibera, ogni singolo progetto sara’ discusso in consiglio comunale e approvato singolarmente. Ma i timori del centrosinistra restano, cosi’ come quelli dei minisindaci.

Gianni Paris, presidente del XV Municipio, accusa “Il timore è reale perché l’impostazione della giunta Alemanno- con l’approvazione di questa delibera- è quella di fare cassa. Per esempio, a Marconi, si prevedere l’abbattimento di un grande capannone e la realizzazione di palazzi per residenti. Se c’è una cosa che non manca a Marconi –dice Paris- è proprio la residenzialità. Credo ci sia il pericolo concreto di una speculazione edilizia, ricordo che la delibera prevede il sistema della compensazione, quindi chi acquisterà dalla vendita di queste strutture potrà vedere soddisfatte le sue necessità in un'altra parte di Roma, dove il contesto consente una maggior densificazione o con la possibilità di aprire un’attività produttiva. Insomma –conclude Paris- il pericolo della speculazione è concreto ed è questo il grande tema che stiamo affrontando con gli altri minisindaci del centrosinistra”.

ECCO LA LISTA DELLE CASERME CHE SARANNO RIQUALIFICATE E RIUTILIZZATE

I Municipio - Caserma Medici, via Sforza 17. Ex convento ex caserma reale equipaggi, via Sant'Andrea delle Fratte. Ex convento di Santa Teresa -via di San Francesco di Sales 16

II Municipio - Deposito materiali elettrici di precisione - via Flaminia 25

V Municipio - Caserma "Antonio Gandin - via del Forte di Pietralata 7. Caserma Ruffo, via Tiburtina 780

VII Municipio - Caserma "Piccinini", via Casilina 1014

XI Municipio - Magazzini commissariato - via del Porto Fluviale

XV Municipio - Magazzini A.M. Via dei Papareschi. Centro rifornimento T.L.C. Via del Trullo 533, Caserma "donati" via del Trullo 506

XVII Municipio - Caserma "Nazario Sauro", via Lepanto 5. Stabilimenti trasmissioni, viale Angelico 9

XIX Municipio - Caserma "Ulivelli", via Trionfale 7400

XVIII Municipio - Forte Boccea, via Boccea 251

[03-11-2010]

 
Lascia il tuo commento