Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Altre di Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema » Altre di Cinema
 
 

Protesta permanente al Festival di Roma

I lavoratori dello spettacolo ''firmano'' un cortometraggio

Al Festival Internazionale del Film di Roma la protesta si fa permanente. Da ieri ogni film italiano sarà preceduto da un cortometraggio di cinquanta secondi realizzato dal movimento "Tutti a Casa".

Nel cortometraggio - realizzato dal movimento che riunisce artisti e tecnici per la difesa del cinema conto la politica di tagli del Governo - si vedono gli attori che spariscono progressivamente dalle sequenza dei film con una voce fuori campo che conclude "il buio in sala. Proiettiamoci verso il futuro".
Il cortometraggio ha debuttato ieri 1 Novembre precedendo "Una vita tranquilla", film in concorso di Claudio Cupellini. Presente alla proiezione nella Sala Santa Cecilia il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

La protesta dei lavoratori dello spettacolo sembra raccogliere consensi sempre più numerosi.
Durante l'incontro pubblico precedente la proiezione de "La scomparsa di Patò" del 31 Ottobre, lo scrittore Andrea Camilleri ha ricordato come sia cresciuto " ..in un Paese dove c'era il fascismo e vicino il nazismo. Allora contro la cultura usavano le pistole, oggi usano le forbici".

[02-11-2010]

 
Lascia il tuo commento