Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Festival del Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema » Festival del Cinema
 
 

Incontro con il cast di ''Last Night''

Eva Mendes e Keira Knightly nel film d'esordio di Massy Tadjedin

Di Flavia D'Angelo

La regista e il cast di Last Night”, primo film in concorso alla quinta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, incontrano la stampa in un’affollata Sala Petrassi.
Sul palco, oltre alla regista e sceneggiatrice Massy Tadjedin, le star Keira Knightley e Eva Mendes. Assente Sam Worthington, la componente maschile del cast è rappresentata da Guillaume Canet.

Nel film vediamo  a confronto due tipi di infedeltà, una vissuta in modo fisico l’altra “platonica”. C’è una presa di posizione su questo tema?

MASSY TADJEDIN: Con “Last Night” ho volutamente cercato di non esprimere alcun tipo di giudizio morale, né di esprimere un’opinione netta su nessuno dei due comportamenti. Credo che siano presentate in definitiva due situazioni simili, sulle quali lo spettatore è lasciato libero di decidere la sua definizione di “infedeltà”.

KEIRA KNIGHTLY: Anch’io sono stata attratta dall’assenza nel film di un approccio morale tradizionale. Ho apprezzato molto che nel copione di Massy non si cercasse di dire allo spettatore in che modo guardare ai personaggi, ma che si sollevassero dei temi su cui ognuno di noi deve reagire secondo la sua convinzione personale. Quando mi chiedono la mia opinione sulla scelta di Joanna – il mio personaggio – rispondo che non sono io a dover dare risposte sull’argomento, ma lo spettatore.

GUILLAUME CANET: Credo che in entrambi i casi si finisca per portarsi dietro un disagio per cui, se possibile, si dovrebbe far a meno di trovarsi in certe situazioni. Personalmente poi – per quanto si creda comunemente che gli attori siano più bravi a mentire – sono assolutamente incapace di dire bugie, quindi mi conviene essere sempre molto fedele …

EVA MENDES: Penso che dipenda molto, se non tutto dalla situazione. Ci sono comportamenti che, per quanto non corretti, possono essere comprensibili a vent’anni ma già dieci anni dopo non lo sono più.

“Last Night” è un film che concentra la sua forza nell’interpretazione degli attori: come è stato scelto il cast? Che tipo di preparazione ha preceduto le riprese?

MT: Avevo incontrato Keira sul set di “The Jacket”, di cui avevo scritto la sceneggiatura, e avevo pensato subito a lei per la parte di Joanna – anche se al tempo Keira aveva vent’anni, quindi era decisamente troppo giovane per il personaggio. Quando ha accettato la parte abbiamo ragionato insieme sul resto del cast.
Sam Worthington è stata una scelta relativamente facile: è un attore con talmente tanto talento che potrebbe interpretare qualsiasi ruolo … Avevo visto recitare Guillaume e da quel momento sognavo di averlo in un mio film. Anche con Eva è stato facile: ci siamo incontrate per parlare del progetto e sono stata subito conquistata dalla sua personalità.
Le riprese sono durate circa un mese, il lavoro maggiore è stato quindi fatto prima in fase di preparazione.

EM: Con Massy abbiamo lavorato molto sul mio personaggio prima delle riprese. Il pericolo era trasformare Laura nello stereotipo della collega sensuale, sminuendo l’attrazione che Michael (Sam Worthington) prova per lei.

GC: Sono rimasto conquistato dal realismo sottile del copione: il mio personaggio esprime chiaramente le sue emozioni e anche le sue debolezze. Oggi il ruolo della donna all’interno della coppia ha portato a un nuovo equilibrio tra le parti e i comportamenti maschili stanno cambiando moltissimo rispetto al passato.

Come è stato girare in così pochi giorni?

MT: “Last Night” è un film in cui la scena è occupata quasi esclusivamente dai volti e dai corpi degli attori. Ho scelto New York come location perché mi sembrava il luogo più naturale per far incontrare quattro personaggi di origini diverse, ma in realtà lo sfondo resta marginale: ciò che conta sono appunto i primi piani. Per questo abbiamo fatto moltissime prove prima di girare effettivamente le scene. Quando si lavora con questa intensità, spesso nascono anche delle belle amicizie.

EM: Per me è stata un’esperienza stupenda. Volevo lavorare da tempo con Keira – anche se ne film abbiamo una sola scena insieme – e mi sono veramente innamorata di Massy: è l’unica persona che conosco più estroversa di me!



[28-10-2010]

 
Lascia il tuo commento