Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Droga: sequestrati 50 kg nel ''bunker''

la scoperta dei Carabinieri grazie alle segnalazioni dei cittadini

Non era una casa, ma un vero e proprio deposito di droga, quello scoperto a Tor Bella Monaca dai carabinieri. 50 i chili di hashish sequestrati, ma all’interno le sorprese non sono mancate. I carabinieri sono arrivati all’abitazione grazie alle segnalazioni dei cittadini del quartiere.

Altre organizzazioni dedite allo spaccio della droga avevano infatti già provato a entrare nella casa per impossessarsi del carico di droga. E per penetrare all’interno dell’abitazione, blindatissima, per i militari è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco che per diverse ore hanno tagliato le inferriate.

Dentro, i carabinieri hanno trovato 50 kg di hashish. Tra i panetti tradizionali, i carabinieri hanno trovato anche panetti di olio di hashish della migliore qualità, rarissimo a Roma. Da un solo panetto di olio, è possibile infatti ricavare quattro volte il quantitativo normale di stupefaciente. Ma nella casa c’erano anche strumenti per la guerra elettronica che disturbavano i segnali dei cellulari e le cimici, una macchina contasoldi dell’ultima generazione, un manuale che spiegava il funzionamento delle strumentazioni delle forze dell’ordine e 35 mila euro già divisi e pronti per essere reinvestiti. Un cittadino albanese di 30 anni è stato arrestato, ma i carabinieri sospettano che dietro ci siano anche altre persone. La droga, proveniente dal Pakistan, dall’Afghanistan e dal Magreb aveva un valore all’ingrosso di 250 – 300 mila euro.

"E' stato importantissimo il contributo dei cittadini - ha detto il comandante dei carabinieri del Gruppo Frascati, colonnello Rosario Castello - con i nostri presidi sul territorio siamo diventati un punto di riferimento per la popolazione di quel quadrante". La marchiatura dello stupefacente sequestrato é stata realizzata secondo i carabinieri in Olanda. "La globalizzazione coinvolge anche il mondo del crimine - ha spiegato il capitano Giuseppe Iacoviello - con la marchiatura della droga che permette di controllare la 'bontà' del prodotto".
 
 

[22-10-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE