Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Mi voleva Streheler

Sul palco del Teatro Golden arriva Maurizio Micheli con il suo pił grande successo

di Umberto Simonetta

Sul palco del Teatro Golden arriva uno dei grandi interpreti del teatro italiano Maurizio Micheli, che dal 19 al 31 ottobre sarà in scena con lo spettacolo “Mi voleva Strehler”, uno dei suoi cavalli di battaglia, scritto da Umberto Simonetta e lo stesso Micheli e diretto da Luca Sandri.

E’ la storia di un attore scalcinato Fabio Aldoresi, che si esibisce tutte le sere davanti ad un pubblico bifolco ed ignorante e che sogna chiaramente la svolta della vita, diventare un attore famoso ed importante. Col pretesto di un provino che l’attore di cabaret dovrà sostenere, il giorno dopo, davanti al grande regista Strehler, e che gli aprirà le porte del grande teatro, Fabio Aldoresi ci racconta uno spaccato del teatro italiano a cavallo tra gli anni ’60 e ’70.

Uno spettacolo cult che dal 1978 mantiene immutate forza comica e satira, avendo totalizzato più di 1000 repliche. Un esempio di teatro-cabaret ineguagliato, tanto nella misura (due atti di 50’ e 40’), quanto nella composizione. Infatti lo spettacolo gioca su diversi piani mascherando dietro un’apparente facilità, una riflessione profonda sull’arte dell’attore.

Assistiamo così alla scoperta del “teatro alternativo” e all’impegno politico tipo Brecht, al racconto de “la prise de l’Odéon” ai tempi del ’68 e alle imitazioni nostrane dei grandi innovatori di quell’epoca: il Living, Grotowski, il Terzo Teatro, rese ancora più comiche dallo stridore, forse solo apparente, con la condizione reale del giovane attore narrante.

“Ho avuto attori bravissimi ma non di grosso richiamo (almeno non lo erano ancora quando recitavano con me, negli anni tra il ’78 e l’83, dopo alcuni di loro lo sono diventati). Ma i teatri si sono riempiti ugualmente e non solo il piccolo “Gerolamo” di Milano che dirigevo in quel periodo. Il pubblico dunque veniva per assistere al lavoro, probabilmente attratto da qualche autorevole recensione, magari da un titolo indovinato, dal parere favorevole di amici che l’avevano già visto o da chissà che altro. Appena si apriva il sipario (quando c’era il sipario) lo spettatore si trovava così a dover fare prima di tutto conoscenza con l’attore in scena: doveva fissarlo, misurarlo, lasciatemi dire annusarlo, decidere se gli era o non gli era simpatico, decidere se gli avrebbe mai concesso l’autorizzazione a farlo ridere o, come direbbero altri, a inoltrargli il messaggio comico. Questa spietata perlustrazione può durare un attimo oppure un secolo ma qualsiasi sia la sua durata per l’attore e per l’autore sarà sempre eterna. Ho avuto la fortuna di avere degli attori che riuscivano a ottenere il lasciapassare con grande celerità: ma ho la solida convinzione di avergli fornito ogni volta il materiale idoneo a facilitargli e di molto il compito. Con grande emozione con grande gioia ho visto il pubblico abbozzare un sorriso, poi sorridere con maggior decisione, ridere poi e sghignazzare infine senza ritegno”.


[18-10-2010]

 
Lascia il tuo commento