Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Buried - Sepolto

di Rodrigo CortÚs. Con Ryan Reynolds, Robert Paterson

di Rosario Sparti

Paul si ritrova rinchiuso in una cassa di legno a 3 metri sotto terra e con in tasca un cellulare, una matita e un accendino. Grazie a questi 3 elementi, deve capire come è finito in quella cassa, per quale motivo e come fare a guidare i soccorritori fino a lui per poterlo liberare. Mentre i 90 minuti di aria a disposizione scorrono, mantenere la calma è sempre più difficile.

Letto il sintetico riassunto della trama non si può che avere un’immediata curiosità verso la pellicola. Un naturale interesse dello spettatore verso uno spunto interessante ma che ovviamente, nella mente di tutti, fa balenare milioni di domande sulla difficoltà di realizzazione dell’opera e sulle possibilità di vincere questa scommessa. Il giovane regista spagnolo Rodrigo Cortés decide di giocare le sue carte e torna a casa portando con sé una meritata vittoria con alcune riserve.

Questa scommessa tecnica si trasforma in un gigantesco esercizio di stile che, date le avversità narrative evidenti a tutti, risulta comunque efficace in molti aspetti. Il film coinvolge ed emoziona, non facendo ricorso esclusivamente a sentimenti quali panico e paura ma creando un legame vero tra spettatore ed il protagonista, un Ryan Reynolds stranamente convincente. La pellicola procede per balzi, alcuni più riusciti ed altri meno, che progressivamente creano uno stato di suspense, in questo caso il richiamo inevitabile è a Hitchcock,  spesso insostenibile per lo spettatore non fosse per il tono da commedia che talvolta traspare dall’opera.

In linea a certo cinema spagnolo recente il film unisce le tinte forti ad un discorso politico, infatti il nostro eroe è un contractor inviato nella guerra in Iraq e l’intera pellicola, compreso l’efficace finale, potrebbe essere letto alla luce delle conseguenze dell’invasione americana nella terra mediorientale. Probabilmente i maggiori difetti sono da attribuire allo spunto di partenza nella sua implausibilità e nella banalità di certe soluzioni, ciò non toglie che si tratta di ottimo intrattenimento.
 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - CortÚs - Reynolds
 

[14-10-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE