Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Migliorano le condizioni della romena

l'aggressore ''ho avuto paura''

Migliorano le condizioni di Maricica Hahaianu, la donna finita in coma dopo aver ricevuto un pugno alla stazione della metro Anagnina.

Il gesto violento, ripreso dalle telecamere della stazione, è stato l’epilogo di una banale lite per la fila alla cassa del bar.
L’infermiera romena, di 32 anni, ieri sera è uscita dal coma farmacologico ma non è ancora cosciente e i medici, al momento, non sono in grado di valutare eventuali danni neurologici causati sia dal pugno ma soprattutto dalla violenta caduta, bisognerà attendere almeno 48 ore.

Intanto Alessio Burtone, il ventenne che ha colpito la donna ed ora si trova agli arresti domiciliari si è giustificato dicendo che poco prima di sferrare il pugno “ha avuto paura, perché quella signora –racconta- continuava a spingerlo e minacciarlo”.
Il sindaco Alemanno ha invece elogiato l’efficienza della Sala Sistema Roma che ha subito avvertito i vigili urbani dell’Anagnina. E’ stato fondamentale anche l’intervento del sottuffuciale della Capitaneria di Porto Manuel Milanese, 26 anni che, senza esitazioni, ha subito fermato il 20enne romano. Il sindaco lo ha sentito al telefono e lo ha invitato in Campidoglio dove sarà premiato con un riconoscimento al valore civile.

IL RACCONTO DEL SOTTUFFICIALE MILANESE- "Non sono un eroe. Quella donna in terra poteva essere mia sorella. Ho fatto quello che era normale fare -racconta Manuel Milanese, sottufficiale della Capitaneria di porto- Avevo appena finito di lavorare e stavo andando a prendere la metro per tornare a Terracina, dove vivo. Ho visto due persone litigare come una coppia di amici o fidanzati. Poi però, ho sentito un tonfo e mi sono girato. C'era la donna stesa a terra, immobile. Non ci ho pensato due volte, ho seguito l'uomo e l'ho fermato. Mi sono identificato come sottufficiale della Capitaneria di porto e agente di polizia giudiziaria e gli ho chiesto i documenti. Era alterato, ha provato a divincolarsi. Ma alla fine mi ha dato i documenti e quando si è avvicinato un agente della polizia municipale, ho lasciato che ne occupasse lui e sono andato a soccorrere la donna".
 
 

[13-10-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
 
 
  CORRELATE