Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Municipi e Roma Capitale

saranno ridotti da 19 a 15

Ci sono sei mesi di tempo per definire l’accorpamento dei municipi. Il primo decreto per roma capitale parla chiaro: si dovrà passare dagli attuali 19 a 15 tramite un provvedimento da inserire nel nuovo statuto. E c’è da giurare che non sarà cosa facile. La discussione inizia ufficialmente domani quando, il presidente della commissione capitolina per roma capitale francesco smedile illustrerà una prima bozza di accorpamento agli attuali minisindaci. Cosa si proporrà? Per il momento è certo che sia stata bocciata l’idea, inizialmente avanzata dal vicesindaco Cutrufo di unire il tredicesimo e il dodicesimo per creare un’area che andasse da Ostia fino all’Eur: si tratterebbe di un territorio troppo vasto da amministrare. Più probabile invece l’unione dei municipi che ad oggi hanno un territorio più piccolo. Come il X e il IX, Tuscolana e parte dell’Appio.

Probabile la fusione del I, centro storico, con il XVII, Prati, e parte dello stesso IX, con la zona di san Giovanni. Diventerebbero un unico municipio anche il II e il III, Parioli e san Lorenzo. Altro accorpamento infine potrebbe essere quello del VI, Collatino, con il VII torre spaccata.

Il criterio utilizzato da questa prima proposta dunque è quello della continuità territoriale. La bozza di smedile, una volta ottenuto il parere favorevole dei predenti dei municipi dovrà essere discussa e approvata dall’assemblea capitolina.

[29-09-2010]

 
Lascia il tuo commento