Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Uno su due

di Eugenio Cappuccio. Con Fabio Volo, Anita Caprioli, Ninetto Davoli

di Svevo Moltrasio

Lorenzo è un determinato avvocato di Genova con attico sul lungo mare e fidanzata innamorata. Tutto sembra procedere per il meglio quando improvvisamente uno svenimento lo metterà a contatto con ospedali, malattie e padri morenti e dimenticati.

Presentato alla festa del cinema di Roma, UNO SU DUE, nuovo lavoro di Eugenio Cappuccio, ha ottenuto alcuni riconoscimenti minori e segna il ritorno sul grande schermo per una vecchia gloria come Ninetto Davoli. Ormai a tutti gli effetti star cinematografica, Fabio Volo si cimenta in una difficile interpretazione: le disavventure cui va incontro il suo rampante avvocato genovese lo costringono viso a viso con la malattia e la paura della morte.

Diciamolo subito, il soggetto del film è di quelli che le nostre case di produzione dovrebbero imparare a cestinare immediatamente (e pensare che invece è stato premiato al Solinas!): uomo ricco e arrivista dopo improvvisa malattia riscopre i valori della vita. Certo così scarnificato qualsiasi soggetto non farebbe bella figura, ma raccontare altro di UNO SU DUE significherebbe ancor più pescare nella banalità con tanto di viaggio, esperienze adrenaliniche e liberatorie, cambiamenti di personalità. Per fortuna Cappuccio ha una mano piuttosto leggera e non indugia troppo sulle facili vie d’uscite, aiutato da un’interpretazione di Volo molto misurata, non memorabile ma nemmeno irritante.

Alcuni difetti sono i soliti del nostro cinema e ormai ci siamo stufati di rilevare l’incapacità di gestire l’insieme dei personaggi (qui a deludere è soprattutto il ruolo della fidanzata Anita Caprioli, che sparisce a metà film per riapparire solo alla fine) e il poco coraggio che porta sempre, in un modo o in un altro, a chiudere con una soluzione consolatoria. Meglio il rapporto del protagonista con la sorella, mentre appare sopravvalutato quello risaputo con il malato interpretato dal bravo Davoli.                                                                               

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[10-03-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE