Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rugby
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Rugby
 
 

Rugby, alla Mantovani Lazio il derby della Capitale

All'Acquacetosa la Mantovani Lazio sconfigge la Futura Park Rugby Roma 13-6. Meta di Mannucci a metà ripresa

Il derby – A Roma il derby della palla ovale mancava della stagione 1984/85. L’ultima vittoria della Lazio dal 1978. Un paio di date per far capire che la neopromossa Mantovani Lazio ha colto davvero l’occasione migliore per centrare la prima vittoria di stagione, battendo i cugini e lasciando la coda della classifica.
Partita bruttina, va detto: all’Acquacetosa l’agonismo non manca, lo spettacolo invece sì.
Nella prima frazione è la Futura Park Rugby Roma a cercare la via della meta con più insistenza, ma la manovra è lenta, contratta, e i ragazzi di De Villiers raccolgono molto poco. All’11° la punizione di Myring porta la Rugby Roma in vantaggio ma solo per una manciata di minuti, perché la punizione dell’estremo laziale Law pareggia subito i conti. Ci pensa Rodriguez a riportare la Rugby Roma avanti, ancora con una punizione, ma di nuovo il calcio di Law al 4° della ripresa ristabilisce l'equilibrio. Equilibrio che si rompe al 20° del secondo tempo, con la meta di Mannucci: Law trasforma e porta i suoi sul 13-6, punteggio che non cambia più.
La Futura Park Rugby Roma deve dunque accontentarsi solo del punto che guadagna grazie al bonus difensivo, e sale a quota sette in classifica. La Mantovani Lazio invece lascia la compagnia di Venezia e dell’Aquila, scavalca il Marchiol Mogliano e raggiunge quota quattro punti.

Le altre partite – È stato un match difficile più di quanto dica il risultato, quello tra Petrarca Padova e l’Aquila Rugby. Gli ospiti vincono 16-32 ma per buona parte della gara al “Fattori” domina l’equilibrio: Padova deve aspettare fino a metà ripresa, quando la meta di Bortolussi dà il via all’allungo decisivo, con le due mete in cinque minuti di Sanchez e di Spragg che spediscono Padova sola al comando a punteggio pieno.
Cinque punti pesanti, quelli che prende Padova, anche perché l’HBS Gran Ducato Parma non va oltre il pareggio contro il Marchiol Mogliano. Pareggio oltretutto raggiunto sul filo di lana, al 78°, con un piazzato dell’estremo Jones.
Seconda vittoria invece per Banca Monte Parma Crociati, che batte il Casinò di Venezia 14-8. Barca Monte Parma Crociati deve però mangiarsi le mani: Venezia infatti ha giocato quasi tutto il secondo tempo in inferiorità numerica, prima per il cartellino rosso al pilone Levaggi, poi per il giallo in chiusura di partita a Previati. Per Venezia, che era andata in vantaggio con la meta di Bado, è la terza sconfitta consecutiva.
Allo stadio “Battaglini”, il Femi-CZ Rovigo sconfigge Estra I Cavalieri Prato 20-10. Padroni di casa che spingono da subito, ma trovano la meta solo in apertura di secondo tempo, portandosi sull’11-0. Prato ci prova a rifarsi sotto ma alla fine il divario è di 10 punti, e gli ospiti tornano a casa a mani vuote.

Eccellenza - III giornata
Banca Monte Parma Crociati - Casinò di Venezia 14 - 8
Femi-CZ Rovigo - Estra I Cavalieri Prato 20 - 10
L'Aquila Rugby - Petrarca Padova 16 - 32
Marchiol Mogliano - HBS GranDucato Parma 13 - 13
Mantovani Lazio - Futura Park Rugby Roma 13 - 6

Classifica: Petrarca Padova punti 15; HBS GranDucato Parma 11; Banca Monte Parma Crociati 10; Femi-CZ Rugby Rovigo 9; Estra I Cavalieri Prato 8; Futura Park Rugby Roma 7; Mantovani Lazio 4; Marchiol Mogliano 3; L’Aquila Rugby 0; Casinò di Venezia -3*
(*quattro punti di penalizzazione per mancata attività giovanile)
Antonio Scafati

[26-09-2010]

 
Lascia il tuo commento