Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, uno stop anche col Bologna

I giallorossi rimontati dal 2-0 al 2-2. Secondo tempo sconcertante.

Altro che risveglio: la giornata numero tre di campionato sancisce ufficialmente la crisi profonda della Roma. Ogni giustificazione che poteva essere avanzata nelle sfide precedenti ora non c'è più: subire due gol in rimonta dal Bologna, essere surclassati per determinazione, condizione fisica, gioco è un quadro che non dovrebbe albergare in casa di una squadra partita (ricordiamolo) da vicecampione d'Italia e oggi sprofondata nei bassifondi della classifica. Senza idee, senza grinta, senza fiato e senza un impianto di gioco.

Ranieri scioglie l'unico dubbio scegliendo Perrotta al posto di Brighi. Mexes prende il posto dello squalificato Burdisso, mentre Menez viene inserito a supporto di Totti e Borriello, per un 4-3-1-2. La Roma parte con una certa aggressività, sulla spinta del proprio pubblico: la prima occasione è per Borriello, che cerca di trasformare in oro un destro ciccato da Menez, ma il suo colpo di testa finisce alto. Per il bomber campano, l'appuntamento con il primo gol in giallorosso è rinviato di pochi minuti: al 7', su lancio di Mexes e in sospetto fuorigioco, Borriello parte a tu per tu con Viviano e lo batte di sinistro. Esplode la sud. Appena un minuto dopo, prodezza di Francesco Totti, che prova l'eurogol dai 30 metri e centra la traversa. Dopo questa serie di sussulti, consueto calo di ritmo: il centrocampo giallorosso continua a girare poco, e in fase di costruzione vanno segnalate soltanto la vivacità di Borriello e le discese di Rosi sulla destra. Alla mezzora, la Roma troverebbe il raddoppio, ma Juan, che insacca da due passi, viene fermato per un inesistente fuorigioco. Poco dopo, Ranieri perde Cassetti, e lo sostituisce con Guillermo Burdisso, che va a occupare la fascia destra. Il finale è del Bologna, con la Roma che va un po' in bambola e Paponi che, all'ultimo minuto, ha una doppia, clamorosa occasione, ma le sue conclusioni ravvicinate vengono l'una respinta miracolosamente da Julio Sergio e l'altra dal palo. Nell'occasione, lo sventurato attaccante si fa male e lascia il posto a Gimenez.

L'intervallo schiarisce poco le idee alla compagnia giallorossa: il ritmo resta piuttosto basso, ma in compenso aumentano gli spazi per gli attacchi del Bologna. E' infatti un episodio, a dare il raddoppio alla Roma: un cross su punizione di Totti viene deviato nella propria porta da Rubin. Sembra fatta, e dovrebbe esserlo in una partita condotta in casa per 2-0 sul Bologna. Burdisso centra il palo con un colpo di testa da centroarea, mentre Ranieri, in precedenza, ha perso anche De Rossi: al suo posto un brillante Brighi, che non si capisce per quale motivo non trovi posto nell'undici titolare. Il resto della gara mostra l'inconsistenza più totale della Roma: evanescente in attacco, fragile in difesa. E sale in cattedra una vecchia volpe come Marco Di Vaio. Che fallisce clamorosamente il primo contropiede, ma, come prevedibile, non il secondo, che trasforma al 31' con una prodezza. Il finale è terrificante, soprattutto per la differenza atletica fra Roma e Bologna: gli ospiti dominano le fasce, surclassano fisicamente i giallorossi indifferentemente in contropiede o a difesa schierata, e al 90' arriva il gol: discesa di Casarini sulla destra e cross basso per Di Vaio che brucia tutti in area piccola. Sprofondo.

1. Che fine ha fatto la solidità difensiva dello scorso anno? 2. E la concretezza? 3. Cosa significano i secondi tempi giocati in costante apnea? 3. E l'elenco spropositato di infortuni muscolari? 4. Quando sarà possibile rivedere Pizarro e De Rossi in condizioni presentabili? 5. Mexes si ritiene ancora un giocatore della Roma? 6. Cos'ha Fabio Simplicio? 7. Esiste (ed è la domanda chiave) un progetto di gioco? Diluvia, poco dopo la fine della partita: un tempo che sembra volerci parlare della Roma.

 

Simone Luciani

 

Roma-Bologna 2-2

 

Roma: Julio Sergio; Rosi, Mexes, Juan, Cassetti (33' G.Burdisso); Pizarro, De Rossi (54' Brighi), Perrotta; Ménez (68' Simplicio); Borriello, Totti. A disp.: Lobont, Cicinho, Adriano, Vucinic. All. Ranieri

Bologna: Viviano; Garics, Portanova, Britos, Rubin; Perez, Radovanovic (61' Casarini), Mudingayi; Siligardi (76' Meggiorini), Di Vaio, Paponi (45' Gimenez). A disp.: Lupatelli, A.Esposito, Della Rocca, Moras. All. Malesani

Arbitro: Peruzzo di Schio

Marcatori: 7′pt Borriello (R), 15’st aut. Rubin (B), 32’st Di Vaio (B), 45' st Di Vaio (B)

Ammoniti: Perrotta (R); Rubin, Mudingayi, Di Vaio (B). Recupero: 3' pt; 3' st.

 

 

 

[19-09-2010]

 
Lascia il tuo commento