Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Virtus: segnali positivi dal primo test di livello

Torneo di Caorle, Roma la seconda finalista: Milano battuta 62-55

E’ la Lottomatica Virtus Roma  la seconda finalista del 4° Torneo “Città di Caorle” organizzato da EDSport in collaborazione con il Comune di Caorle. La sfida metropolitana Roma-Milano fa registrare tre assenze pesanti per parte: per i capitolini out Gigli, Datome e Heytvelt, per i meneghini Maciulis, Hawkins e Jabeer. Inizia bene la Lottomatica che “doppia” l’Armani Jeans (4-8) grazie ad un concreto Crosariol. Si segna poco nella prima frazione, la squadra di Bucchi impatta sull’8-8, prima che il "vecchio" Charlie Smith e Vitali (dalla lunetta) accelerino sino al 13-8. Nell’ultimo minuto la contesa si accende: Finley ruba palla e sigla il 15-13, risultato con cui si chiude il primo periodo. Nel secondo quarto ecco il sorpasso dell’Olimpia (tripla di Mordente per il 15-16), il match si fa interessante e a metà frazione siamo in perfetta parità (22-22). Pecherov spinge avanti Milano, Dedovic impatta da tre (25-25) e Rocca porta i suoi a +3 (27-30). Negli ultimi due minuti si assiste a continui sorpassi e controsorpassi (canestri pesanti di Dedovic per il 32-31 e di Finley per 32-33), finché ancora Finley all’ultimo secondo metta il cesto del 32-35. Il golden boy Melli e il solito Finley portano l’Armani sul massimo vantaggio in apertura di terzo periodo (34-43), Ganeto e il “ragno” Smith ravvivano il match che ritorna combattuto dopo lo schiaccione di Crosariol (40-45 a metà tempo). Traorè riduce a -3 il ritardo della Lottomatica (44-47), Mordente e Furlanetto siglano un mini-break di 5-0 (44-52) e Roma risponde della stessa moneta (tripla di Giachetti e Traorè da sotto).

Nell’ultimo minuto arriva il pareggio di Giachetti (ancora da tre) per il 52-52 e si va all’ultima pausa con la “gemma” della serata: una tripla da metàcampo di Dedovic sulla sirena che completa il parziale capitolino di 11-1 (55-53). La Virtus mette il naso avanti nella frazione conclusiva (59-55), Tourè (schiacciata) e Washington (dalla lunetta) dànno il +7 per Roma con il match che si chiude con 4 minuti di anticipo a causa della forte sciroccata che ha colpito Caorle, rendendo umida l’aria e di conseguenza il parquet scivoloso (62-55).

Roma, nonostante le assenze per infortunio dei nazionali Angelo Gigli e Luigi Datome, dello statunitense Heytvelt e di capitan Tonolli dimostra che la preparazione e i carichi di lavoro affrontati durante il ritiro di Folgaria abbiano quest'anno portato i frutti sperati, lasciando la sensazione che qualcosa di positivo si stia costuendo in prospettiva futura.
Anche l'alternanza play tra l'americano, di passaporto macedone, Darius Washington, e l'azzurro Jacopo Giacchetti, che ieri ha propiziato con due bombe il recupero della Lottomatica nel secondo periodo, ha ben funzionato nell'ottica di copertura del ruolo. Una garanzia di qualità si conferma Charlie Smith, e da segnalare la buona prestazione del bosniaco Nihad Dedovic, miglior marcatore della semifinale di ieri con 12 punti, frutto di un ottimo quattro su quattro dalla linea dei tre punti.
Reattivo il reparto lunghi con un Traorè ben inserito e Andrea Crosariol quanto mai presente, che ha chiuso la partita di ieri con 10 punti e 8 rimbalzi.Questa sera l'inizio della gara è fissato per le ore 20.45. La finale verrà trasmessa in differita martedì da Sky Sport.

Cocco Rossi Stuart

LOTTOMATICA ROMA – ARMANI JEANS MILANO 62-55
LOTTOMATICA: Giachetti 6 (0/2, 2/3), Drenovac ne, Marchetti ne, Washington 6 (2/4, 0/3), Vitali 4 (0/2, 0/1), Di Giacomo ne, Traorè 11 (5/12), Dedovic 12 (0/1, 4/4), Smith 7 (2/3, 1/2), Tourè 6 (3/3, 0/1), Iannilli (0/1), Crosariol 10 (3/7). All. Boniciolli
ARMANI JEANS: Furlanetto 4 (0/1, 1/2), Mancinelli (0/3, 0/1), Cacace, Mordente 11 (3/4, 1/2), Finley 79 (3/7, 1/2), Rocca 3 (1/4), Melli 4 (0/1, 1/1), Pecherov 10 (3/5, 0/4), Petravicius 9 (3/8), Ganeto 5 (2/3, 0/1).

 

 

 

All. Bucchi

[18-09-2010]

 
Lascia il tuo commento