Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Alonso e la domenica perfetta

Lo spagnolo vince a Monza e riapre il Mondiale. Hamilton out al primo giro.

Lo aveva ripetuto in maniera ossessiva durante tutta la settimana, per convincere la squadra a non mollare dopo la disfatta in terra belga: a Monza ci rilanciamo per il Mondiale. Probabilmente sentiva che la vittoria era possibile, ma forse nemmeno lui avrebbe immaginato un week-end così felice. Prima pole in rosso, vittoria, giro veloce e Lewis Hamilton che "si suicida" dopo poche curve, tradito dalla fretta eccessiva nel volersi sbarazzare di Massa, perfetto nel suo ruolo di paggetto/scorta, premiato dal terzo gradino del podio. Fernando Alonso trionfa nel Gp d'Italia e torna prepotentemente in corsa per l'iride. Lo spagnolo ha sbagliato solo al via facendosi infilare da Button, ma grazie ad un mezzo più performante e alla bravura dei meccanici ai box (varrebbe la pena ricordare però al buon Mazzoni che non sono solo quelli di Maranello a lavorare alacremente) è riuscito a sopravanzare l'inglese dopo la sosta e a conquistare un successo fondamentale che lo porta a soli 21 punti dal primato in classifica, tornato oggi nelle mani del buon Webber, costretto come il compagno Vettel ad una gara di difesa in un circuito assai sfavorevole ai motori Renault.  Gp di casa amaro per gli italiani, vittime di continui problemi di affidabilità. Continua invece il momento positivo di Hulkenberg e della Williams, pur se il tedesco è oggi stato graziato dai commissari che non hanno preso provvedimenti sui suoi continui tagli di chicane, in un paio di casi abbastanza discutibili. Tra due settimane si va a Singapore con cinque piloti racchiusi in un fazzoletto di soli 24 punti. Quel vecchio marpione di Bernie Ecclestone si starà fregando ancora una volta le mani.

Giu.Cil.

[12-09-2010]

 
Lascia il tuo commento