Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Fisco & finanza
 
» Prima Pagina » Fisco & finanza
 
 

L’Istat comunica il rialzo del Pil e la crescita dei conti dell’Italia

L’Istat ha diffuso i dati dei conti economici italiani del secondo trimestre del 2010 e questi ci tranquillizzano notevolmente poiché le stime di crescita dell’economia italiana sono in netto rialzo. Infatti, il prodotto interno lordo (PIL) è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e del 1,3% nei confronti del secondo trimestre del 2009

L’istituto di statistica precisa che, comunque, il secondo trimestre del 2010 ha avuto una giornata lavorativa in più sia rispetto al trimestre precedente, ma i dati sono ugualmente molto confortanti se consideriamo anche che la crescita acquisita dal 1° gennaio 2010 è pari allo 0,9 per cento.

Queste proiezioni sono veramente ottime anche perché testimoniano che il prodotto interno lordo ritorna a crescere rispetto all’ormai lontano secondo trimestre 2006, quando la crisi economica si affacciava sullo scenario americano trainando le economie mondiali.

L’istat ha anche precisato che, nel secondo trimestre, si sono rilevati andamenti buoni per il settore dell'industria con un incremento del 1,3% ed un confortante incremento dello 0,9% per il settore che comprende le attività commerciali, gli alberghi, i pubblici esercizi ma anche i trasporti e le comunicazioni. L’unico dato in negativo riguarda i conti economici del settore dell’edilizia ed ancora peggio del settore dell’agricoltura per cui si è registrato un calo del 2,7%.

In definitiva i dati evidenziano che la ripresa è proprio iniziata come del resto ha comunicato il presidente americano Barack Obama, il quale - in una conferenza stampa alla Casa Bianca - ha dichiarato che la ripresa economica è dolorosamente lenta, ma c’è, ed in ogni modo anche il PIL americano su base annua è cresciuto del 1,9% .

Anche il ministro dell’economia Giulio Tremonti ha dichiarato, alla luce di questi dati di ripresa, che è arrivato il tempo per guardare con fiducia al futuro e allo sviluppo! Ha anche confermato che nei prossimi mesi non ci sarà una rottura sociale e che - tutto sommato - anche questo autunno lo affronteremo senza problemi drammatici nè traumatici… Staremo a vedere!

Massimiliano Casto (Tributarista e Consulente del Lavoro)

[11-09-2010]

 
Lascia il tuo commento