Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Storie Metropolitane
 
» Prima Pagina » Storie Metropolitane
 
 

Anagnina, stazione del degrado e senza Wc

la denuncia di un addetto alle pulizie

Stazione Anagnina: crocevia del degrado. E’ uno dei terminal più grandi della città, secondo solo a Termini e alla stazione Ostiense e Tiburtina e ormai da circa 5 mesi è senza bagni pubblici “permanenti”.

La denuncia arriva dal personale addetto alle pulizie della ditta “La Lucente”, che lavora per l’Atac. Il paradosso è che da quando è stato chiuso l’ultimo Wc disponibile l’azienda, dopo i tagli dell’Atac, ha deciso di ridurre a sua volta del 30% le ore di lavoro e quindi anche lo stipendio dei 7 addetti che si occupano della pulizia di tutta la stazione: interni, esterni, parcheggi e piazzole di sosta di bus.

"Il paradosso è che ci hanno tagliato il 30% dello stipendio e anche delle ore lavorative ma la mole di lavoro è rimasta la stessa, non solo da quando hanno chiuso l'ultimo bagno pubblico -racconta un dipendente della ditta 'La Lucente s.p.a.' la gente si lamenta che non ci sono Wc, sono obbligati ad utilizzare quelli chimici esterni".

Se si ha la necessità di un “bisogno” impellente l’unico modo è quello di utilizzare i bagni chimici, che non sono certo il massimo dell’igiene. Questi wc sono gestiti e manutenzionati da un’altra ditta sempre per conto dell’Atac.

"E' assurdo che in una stazione così grande -racconta un viaggiatore- ci siano solo bagni chimici, e sono davvero sporchi, quasi inutilizzabili".

Da un lato i cittadini hanno meno servizi e dall’altro i lavoratori de "La Lucente" devono lavorare meno ore e svolgere praticamente le stese mansioni. Per questo hanno indetto uno sciopero per il prossimo 20 settembre e chiedono subito un incontro con l’azienda.


Come se non bastasse al degrado si aggiunge la percezione di insicurezza dei cittadini. A nulla sono valse le segnalazioni sui guasti all'illuminazione di un carabiniere che ogni notte presta servizio in questo piazzale. I cittadini, nel buio, hanno addirittura paura ad aspettare il bus.

 
 

[08-09-2010]

 
Lascia il tuo commento