Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Approvato il bilancio comunale

manovra da 5,4 miliardi

Il consiglio comunale di Roma ha rispettato i tempi ed ha approvato il bilancio all'alba di sabato con 35 voti a favore e 15 contrari. La manovra di bilancio 2010-2012 è da 5,4 miliardi, divisi in 3 miliardi e 600 milioni destinati alla spesa corrente e circa 1,8 miliardi per gli investimenti.

In totale, a fronte di maggiori entrate inizialmente non ancora conteggiate, ci sono 400 milioni di euro in più rispetto al documento approvato dalla giunta comunale il 25 giugno. La manovra che il Campidoglio attuerà per evitare il disavanzo tra entrate e uscite, invece, resta pressoché invariata: dai 273 milioni iniziali si scende ai 271,5 milioni di euro (221,5 per la spesa necessaria ai municipi e 50 milioni per il Piano di manutenzione stradale straordinario). Durante la discussione sono stati presentati più di 8 mila emendamenti di cui uno, di maggioranza, che ha modificato la manovra precedentemente approvata dalla giunta.

ALEMANNO - Con l'approvazione del provvedimento "rispettiamo i termini dati dal governo che fissavano la scadenza per l'approvazione del Bilancio al 31 luglio", ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

SOSPESI FONDI MUSEO DELLA SHOAH - Nel maxiemendamento della maggioranza che ha modificato il bilancio 2010-2012 sono stati definanziati i 13 milioni destinati al museo della Shoah. Questi soldi verranno, momentaneamente, utilizzati per opere pubbliche più urgenti, come le complanari di via Cristoforo Colombo. Quindi, non è una cancellazione della parte di fondi che il comune destinerà al museo, ma una sospensione: i 13 milioni verranno, infatti, rimodulati nel 2011. In questo modo si evita di bloccare soldi che non potevano essere immediatamente utilizzati spostandoli in opere cantierabili.

MANOVRA INCISIVA - "Una manovra forte e incisiva, nelle scelte e nei risultati, improntata su criteri di equitá, rigore e sviluppo -ha detto Federico Guidi, presidente della Commissione Bilancio del Comune di Roma - è in grado di fare ripartire l'economia della cittá. Questa la definizione più pertinente per descrivere le misure previste nel bilancio 2010 approvato alle ore 5.56 di sabato dal Consiglio Comunale, con 35 voti a favore, 15 contrari e nessun astenuto". Lo dichiara

 
 

[31-07-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE