Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Box

di Richard Kelly. Con Cameron Diaz, James Marsden, Frank Langella

di Svevo Moltrasio

Una giovane coppia è avvicinata da un inquietante personaggio che propone un misterioso patto: pigiare il bottone di una banale scatola in cambio di un’enorme somma di denaro. Piccola complicazione collaterale: qualcuno nel mondo morirà..

Il giovane Richard Kelly, miracolato qualche anno fa dall’exploit di DONNIE DARKO, sua opera prima, tenta di riguadagnarsi la fiducia di pubblico e critica dopo il flop di SOUTHLAND TALES. Anche questo nuovo lavoro però non è piaciuto per niente alla critica americana e il grande pubblico, nonostante la presenza di Cameron Diaz, se ne è tenuto alla larga.

Tratto da un racconto di Richard Matheson, il film parte da un espediente classico quanto affascinante: accettare un’incredibile somma di denaro sancendo, in cambio, la morte di qualcuno nel mondo. Il proprio interesse contro quello di un altro sconosciuto. Se tale proposta viene fatta alla coppia protagonista del film, due giovani e innamorati americani con figlioletto a carico e con problemi economici e delusioni lavorative, la scelta è scontata. Ambientato negli anni 70, da cui con grande cura e intelligenza recupera i colori e lo stile visivo, il film in realtà è un accumulo di complicazioni e aspetti misteriosi.

L’assunto di partenza da solo il via ad un intrigo che si fa mano a mano più imponente, coinvolgendo potenze militari, elementi spirituali e sovrannaturali, trasformando così il film in un’opera concettuale dall’alto tasso contenutistico. Nelle intenzioni. Kelly infatti non è in grado di maneggiare l’ingombrante materiale, e si perde ad ogni svolta narrativa non riuscendo mai a rendere il mistero intrigante, né tanto meno la cupezza tangibile. Così purtroppo alla fine trionfa solo la confusione e non raramente affiora il ridicolo.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - kelly - fantasy - diaz
 

[22-07-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE